Cortina d’Ampezzo. Irregolarità negli appalti? Perquisiti gli uffici del comune

BELLUNO – La Guardia di Finanza di Belluno sta compiendo una perquisizione nel Comune di Cortina d’Ampezzo in una indagine su presunte irregolarita’ in appalti. Secondo quanto si e’ appreso in ambienti vicini agli inquirenti, nell’ inchiesta risulterebbero indagate 7 persone, tra le quali, pare come atto dovuto, il sindaco ed alcuni assessori. Le ipotesi sono di abuso di ufficio e turbativa d’asta. L’indagine, avviata nel 2011, riguarderebbe alcuni appalti per lavori pubblici nella conca ampezzana.

Secondo quanto ha riferito il pm titolare dell’inchiesta, Antonio Bianco, l’indagine riguarda una serie di appalti relativi alla concessione del servizio di gestione rifiuti urbani ed altri. Fra gli indagati vi sarebbero amministratori in carica ed altri che lo erano in precedenza.  Il sindaco Andrea Franceschi e le altre persone interne all’ amministrazione cortinese, coinvolti nell’inchiesta per abuso d’uffico e turbativa d’asta, risultano anche indagate per violenza privata nei confronti del capo della polizia municipale. Alla base di quest’ultima imputazione vi sarebbero pressioni esercitate verso il comandante affinche’ fossero non posizionati o rimossi dispositivi autovelox in determinati punti della viabilita’ comunale.

Le informazioni di garanzia sono state consegnate agli interessati contestualmente alla perquisizione, ancora in atto.  Franceschi ha fatto intanto sapere, attraverso la sua segreteria, che chiarira’ pubblicamente la propria posizione al piu’ presto attraverso la propria pagina di Facebook. Questo avverra’, fanno sapere, non appena saranno concluse le perquisizioni ancora in atto negli uffici comunali e ci sara’ modo di analizzare i contenuti delle informazioni giudiziarie consegnate dalla Guardia di Finanza.

Comments are closed.

Gestione cookie