Fabrizio Corona, lo “spazzaneve” che lo ha aiutato a fuggire in Francia

Pubblicato il 24 Gennaio 2013 0:00 | Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio 2013 23:39
Fabrizio Corona (foto Ansa)

Fabrizio Corona (foto Ansa)

CUNEO – Un aiuto “involontario” a un latitante. Anzi al latitante più chiacchierato di questi ulitmi giorni. Senza saperlo ha aiutato Fabrizio Corona a varcare il confine con la Francia e a darsi alla latitanza. Ma l’uomo che ha consentito di ripartire ad un automobilista di una 500 finita fuori strada per la neve, sulla statale del Colle di Tenda, non si è accorto che al volante c’era proprio il fotografo. ”Non ho visto e non potevo sapere che dentro ci fosse Fabrizio Corona”, dice.

A soccorrere Corona è stato l’addetto allo sgombero della neve che abita a pochi chilometri dal valico italo-francese, a Robilante (Cuneo). Era in servizio sulla statale della Valle Vermenagna e oggi racconta di aver notato l’auto finita fuori strada dopo essere scivolata sulla neve in un tornante. Sarebbe rimasta con ogni probabilità bloccata se l’addetto non si fosse avvicinato e non avesse tolto la neve che impediva all’utilitaria di tornare in carreggiata.

L’uomo, a bordo di un altro veicolo, ha fatto strada all’utilitaria guidata da Corona fino all’imbocco del tunnel poi è ridisceso verso valle, mentre la Cinquecento entrava nella galleria che sbocca in territorio francese.