Grosseto. Vince 5 milioni al Gratta e Vinci: “Troppi per me”, finanzierà un centro per disabili

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 settembre 2018 9:10 | Ultimo aggiornamento: 21 settembre 2018 9:10
Grosseto. Vince 5 milioni al Gratta e Vinci: "Troppi per me", finanzierà un centro per disabili

Grosseto. Vince 5 milioni al Gratta e Vinci: “Troppi per me”, finanzierà un centro per disabili

ROMA – Una signora davvero perbene, aveva detto subito il titolare della tabaccheria a Grosseto che le aveva venduto il biglietto fortunato del Gratta e Vinci da 5 milioni di euro una settimana fa. Perbene e generosa: la signora di 50 anni prima ha pianto di gioia, non poteva crederci tanto che all’inizio è svenuta, poi ci ha pensato su e ha deciso che con una parte della somma realizzerà un moderno e attrezzato centro per disabili.

Era il suo sogno, la fortuna l’ha fatto diventare realtà. Gianluca d’Ascoli, compagno di Valentina, la proprietaria della tabaccheria, ha confidato ai giornalisti de Il Tirreno che tra i progetti della signora c’è quello di aiutarlo a realizzare il centro. “Quel che non ho potuto avere in vita mia voglio che l’abbiano gli altri”, ha detto. Lei che abita in affitto e si arrangia con diversi lavori domestici, ha deciso che comprerà la casa dove abita e dove rischiava di essere sfrattata, il resto beneficenza e supporto ai meno fortunati di lei.

“Tu e Valentina – mi ha detto – mi avevate parlato del un progetto di un centro disabili. In passato avrei voluto aiutarvi ma non avevo soldi. Ora ce li ho. E voglio farvi una donazione”. Con cui finanzierà la ristrutturazione di un casale diroccato dalle parti di Braccagni.

“Sono commosso – ha ringraziato detto D’Ascoli raccontando quanto accaduto – perché la vita per lei non è stata facile. È una donna buona e anche quando non aveva nulla ha sempre aiutato chi aveva bisogno. Oggi può comprarsi la casa dove rischiava lo sfratto e continuare ad aiutare le persone. Tra queste ci siamo noi. Ha deciso di ‘premiarci’ affinché coroniamo il nostro sogno di realizzare un centro per aiutare le persone in difficoltà”.