I 15 boy scout in calzoncini sulla neve: avvisati diverse volte della bufera. Salvati sul Corno delle Scale I 15 boy scout in calzoncini sulla neve: avvisati diverse volte della bufera. Salvati sul Corno delle Scale

I 15 boy scout in calzoncini sulla neve: avvisati diverse volte della bufera. Salvati sul Corno delle Scale

Quindici boy scout sono stati sorpresi dalla bufera di neve al Passo dello Strofinatoio, sul crinale che divide la Toscana dall’Emilia Romagna, nel comprensorio del Corno alle Scale, in provincia di Bologna, con indosso la loro divisa con pantaloni corti. 

Scout nella bufera di neve con i calzoncini corti

Gli scout, residenti in provincia di Firenze, sono stati salvati’ dagli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico. 

Tre di loro, due ragazze di 18 anni e una ragazza di 17 anni, sono state portate all’ospedale di Porretta per una ipotermia severa.

15 boy scout sorpresi dalla neve: erano stati avvisati del meteo in peggioramento

I boy scout e la loro accompagnatrice erano partiti dal Rifugio Montanaro, che si trova in Toscana nel comune di San Marcello Pistoiese. Erano diretti al Rifugio Duca degli Abruzzi nonostante il meteo fosse in peggioramento.

Giunti al Passo dello Strofinatoio i giovani sono stati sorpresi da una bufera di neve.

Sono stati dunque costretti a fermarsi per la scarsa visibilità, per il freddo e il timore di finire su dei salti di roccia.

Dopo la richiesta di aiuto al 112 due squadre del Soccorso Alpino e Speleologico con una unità cinofila hanno iniziato ad avvicinarsi alla zona indicata. Nel contempo due ambulanze del 118, un’automedica e un pulmino si sono recati all’ambulatorio delle Polle.

Boy scout sorpresi dalla neve: due di loro in ipotermia

Il gruppo di boy scout è stato poi visitato dal medico, che ha constatato una severa ipotermia per due ragazze di 18 anni e una ragazza di 17 anni condotte all’ospedale di Porretta.

Gli altri giovani sono stati caricati dal pulmino della Croce Rossa e dai mezzi del Soccorso Alpino e portati presso la sede della Croce Rossa di Lizzano in attesa dei loro genitori. Sul posto anche i carabinieri, sempre di Lizzano.  

Gestione cookie