Casapound a prefetto e sindaco: “Ti bruciamo il paese”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Settembre 2015 12:40 | Ultimo aggiornamento: 11 Settembre 2015 14:21
La sfida di Casapound: voi vietate, noi occupiamo

(Foto d’archivio)

MILANO – “Ti bruciamo il paese, mafioso di merda”, hanno minacciato dopo che il prefetto e il sindaco di Castano Primo (Milano) avevano negato l’autorizzazione alla manifestazione di Casapound. Poi sono passati ad occupare quello che doveva essere il luogo della loro festa, la prima festa nazionale del movimento di estrema destra: la tecnostruttura del paese a 50 chilometri da Milano.

Nonostante manchi l’autorizzazione, infatti, questa sera Casapound ha intenzione di celebrare comunque la sua festa. Per questo arriveranno 500 uomini delle forze dell’ordine in tenuta antisommossa.

Gli esponenti del movimento hanno confermato tutto il programma della kermesse che prevede anche la presenza di esponenti della Lega Nord, di Forza Italia e di Scelta Civica.