Mafia: blitz nel covo di 2 latitanti, Vincenzino Mignacca si uccide

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Novembre 2013 - 15:13 OLTRE 6 MESI FA

Mafia: blitz nel covo di 2 latitanti, Vincenzino Mignacca si uccideSIRACUSA – Blitz del Gis dei carabinieri nel covo di due fratelli latitanti, Calogero e Vincenzino Mignacca, elementi di spicco della famiglia mafiosa dei tortoriciani. Uno dei due fratelli, Vincenzino, che si trovava, armato, all’interno di un’altra stanza, al momento dell’irruzione dei militari si è suicidato sparandosi un colpo alla testa.

Erano condannati a diversi ergastoli per associazione mafiosa e omicidio. I carabinieri del Gis dopo aver circondato il casolare hanno più volte intimato ai due fratelli di arrendersi, quindi hanno fatto irruzione sfondando la porta e immobilizzando Calogero Mignacca che si trovava all’ingresso ed era armato di pistola.

Il fratello Vincenzino, anche lui armato, era dentro un’altra stanza e, raccontano i militari, al momento dell’irruzione si è suicidato sparandosi un colpo alla testa.  I due, coinvolti nell’operazione antimafia, Icaro-Romanza, sono stati condannati all’ergastolo con l’accusa di associazione mafiosa, omicidi ed estorsioni commessi tra il 1997 e il 2000 nell’hinterland tirrenico messinese, inseriti dal Viminale nell’elenco dei 30 latitanti più pericolosi.