Roma, ragazzo aggredito mentre va in bagno: è in fin di vita

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Agosto 2015 19:35 | Ultimo aggiornamento: 20 Agosto 2015 19:35
Roma, ragazzo aggredito mentre va in bagno: è in fin di vita

Roma, ragazzo aggredito mentre va in bagno: è in fin di vita

ROMA – Un ragazzo è stato aggredito al quartiere Esquilino a Roma mentre stava uscendo dal bagno. La notte del 10 agosto il ragazzo è stato picchiato e ridotto in fin di vita con colpi di bottiglie di vetro rotte e usate come pugnali. Una nuova quotidiana smentita alle affermazioni del ministro dell’Interno Angelino Alfano secondo il quale “L’Italia è un posto sicuro“.

Il Messaggero scrive che il ragazzo ha riportato ferite alla testa e al collo e gli aggressori l’hanno lasciato esanime a terra:

“Le indagini per risalire ai responsabili, condotte dagli agenti della Squadra Mobile e dei commissariati Viminale e Flaminio Nuovo, sono partite immediatamente: la sera stessa infatti sono stati ascoltati alcuni testimoni e successivamente anche la vittima. In particolare il giovane aggredito ha riferito agli inquirenti di aver riconosciuto uno dei suoi aggressori, spiegando che si trattava di una sua vecchia conoscenza, e aggiungendo inoltre che già alcuni giorni prima l’aveva aggredito all’interno di un parco pubblico per un presunto debito di droga nei suoi confronti.

Grazie ad una serie di controlli incrociati e di appostamenti, gli agenti impegnati nelle ricerche sono riusciti in pochi giorni a rintracciare il responsabile dell’aggressione, che nel frattempo si era fatto ospitare in casa da un amico. M.B.H.A., ecuadoregno di 24 anni, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto con l’accusa di tentato omicidio e lesioni personali”.