Taxi Roma. Consiglio burrascoso vara delibera: nuove tariffe, sconti rosa e obbligo ricevuta

Pubblicato il 14 luglio 2010 22:26 | Ultimo aggiornamento: 15 luglio 2010 0:40

Nuove tariffe, bon ton per i tassisti, obbligo di ricevuta, sconto del 50 per cento per chi accompagna i bambini al Bambin Gesù e prezzi speciali notturni alle donne (-10% dalle 21 all’una). Queste alcune novità contenute nella delibera sull’adeguamento delle tariffe dei taxi nella capitale votato dopo otto sedute e varie polemiche dal Consiglio comunale di Roma.

Una delibera dall’iter tortuoso e che mercoledì in Aula Giulio Cesare ha visto la vivace protesta del consigliere Pdl, l’immunologo Ferdinando Aiuti, contrario che lo sconto del 50% sia applicato solo per le corse ”verso un ospedale del Vaticano”, e una rissa sfiorata tra altri due consiglieri. ”Ora -ha detto il sindaco Gianni Alemanno – dopo una delibera che è un giusto compromesso bisognerà concentrarsi nella lotta contro l’abusivismo e contro la concorrenza sleale che viene dagli Ncc che hanno licenze date fuori Roma”.

Proprio Alemanno è  stato il deus ex machina della delibera mettendo d’accordo i sindacati, e persino il bellicoso Bittarelli, che bloccò Roma all’epoca di Veltroni, sia sulle tariffe che sull’emendamento ricevuta eliminando il termine scontrino, che avrebbe avuto valenza fiscale e comunque di materia governativa. L’adeguamento tariffario prevede un ritocco al ribasso per quella fuori dal Gra e un rialzo per le corse entro i primi cinque chilometri.

E’ stata adeguata anche la tariffa per l’aeroporto di Fiumicino, portandola da 40 a 45 euro, e quella per l’aeroporto di Ciampino, da 30 a 35 euro. Ci sarà l’obbligatorietà di accettare pagamenti in bancomat o carta di credito per importi oltre i 30 euro, mentre non ci sarà limite di importo per le carte di servizi sociali. E, tra gli obblighi, anche quello di dare all’utente una ricevuta cartacea con tutti i dettagli del viaggio. Sconto del 50% per chi accompagna i bimbi all’ospedale pediatrico Bambin Gesu’ e novita’ in rosa con un meno 10% notturno per i passeggeri donna. Previste anche sanzioni e sospensione della licenza per i tassisti che si macchiano di reati gravi.

Non solo, il Comune avrà la facoltà di costituirsi parte civile nei giudizi per cui è prevista la sospensione della licenza taxi o dell’autorizzazione Ncc. Una piccola rivoluzione quella introdotta dal bon ton del tassista: al bando pantaloncini e ciabatte alla guida, ma abbigliamento consono e decoroso. Si è ampliato il raggio di azione delle vetture taxi qualora trasportino persone diversamente abili, e si è incentivato l’acquisto di auto ibride, permettendo a queste di transitare anche nelle zone dove è previsto l’accesso ai veicoli elettrici.

Ora tutto l’impianto tariffario sarà sottoposto a una Commissione tecnica di congruità, formata da esperti che, rispettando i criteri stabiliti dal Consiglio comunale, andranno a verificare se la tariffa indicata da questa delibera è equilibrata e corretta. E, in tal caso, verrà applicata. In caso contrario, invece, sarà rimandata con le dovute modifiche al Consiglio comunale che dovrà ridiscuterla. Dunque gli adeguamenti delle tariffe scatteranno comunque in autunno.