Tortolì, perseguitava l’ex datore di lavoro: rumena arrestata per stalking due volte in quattro mesi

Andrea Andrei*
Pubblicato il 26 Gennaio 2011 14:31 | Ultimo aggiornamento: 26 Gennaio 2011 14:33

TORTOLI’ – Era più di un anno che la trentunenne rumena Mirela Finareta Mazuru lo perseguitava con minacce telefoniche e pedinamenti. La donna rivolgeva le sue morbose “attenzioni” al suo ex datore di lavoro, Marco Abbate, giovane imprenditore titolare della Arbatax Cantieri.

Mirela Finareta Mazuru

Un volto, quello di Mirela, non certo sconosciuto alle forze dell’ordine di Tortolì (capoluogo della provincia sarda dell’Ogliastra), che già lo scorso 15 ottobre l’avevano arrestata per lo stesso motivo. La scena si è ripetuta quando, martedì scorso, la donna è stata colta sul fatto, mentre scattava fotografie all’imprenditore con il cellulare. Appena si è accorta della presenza degli agenti li ha aggrediti, insultandoli. È stata portata via in manette, e adesso dovrà rispondere anche di resistenza e minacce a pubblico ufficiale.

Quattro mesi prima, quando Mirela era stata arrestata per stalking per la prima volta, il gip le aveva concesso gli arresti domiciliari. Ma, appena tornata in libertà, aveva ricominciato a perseguitare Abbate in maniera ancora più ossessiva.

*Scuola di Giornalismo Luiss