Venezia, picchiato portabagagli africano. “I due inneggiavano a Salvini”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 luglio 2018 16:39 | Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2018 16:39
venezia picchiato africano

Venezia, picchiato portabagagli africano. “I due inneggiavano a Salvini”

VENEZIA – Pugni e schiaffi inneggiando a Salvini. L’aggressione si è svolta nella mattinata di ieri, 10 luglio, a Venezia: le vittime sono un portabagagli africano di 20 anni [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] e una guida turistica di 55 anni. I presunti aggressori sarebbero due portabagagli regolari, di 37 e 41 anni, già noti alle autorità locali.

“Hanno cominciato a gridare insulti di ogni tipo”. Maria Pilar, di origine spagnola, vive a Roma da 30 anni, facendo la guida turistica in Vaticano. Come ha raccontato al Corriere del Veneto, tutto è cominciato quando, ritornata dalla Croazia con un’amica, Maria si è recata alla stazione di Venezia per lasciare in custodia i suoi bagagli per alcune ore, in attesa della partenza dall’aeroporto per la Spagna.

Ad aiutare le due donne si sarebbe offerto un portabagagli ghanese di 20 anni, ma privo del regolare cartellino. A pochi metri dalla stazione, il giovane è stato adocchiato da un uomo, che ha iniziato subito ad urlargli contro: “Abusivo! Negro! Cosa stai facendo?”. Dalle parole si è passati subito ai fatti, l’uomo ha chiamato subito un suo collega e insieme si sono scagliati sul giovane africano: “Ha afferrato l’africano e gli ha dato una tremenda capocciata in testa, poi un calcio in pancia e un pugno sulle costole”.

Le due donne sono intervenute per aiutare il ragazzo, ma invano, perché i due aggressori si sono scagliati anche contro di loro. “È stato terribile: un’aggressione in pieno giorno!”, ricorda l’avvocato Paolo Tacchi Venturi, che ha assistito alla violenza: ”La signora chiedeva ‘Ma che razza di Paese stiamo diventando?’ e loro ripetevano: ‘È il paese di Salvini! Viva Salvini!’”. Maria era sconvolta, ma ha mantenuto quel poco di sangue freddo per fare una foto col cellulare ai due aggressori.

“Dopo l’aggressione se ne sono andati senza che nessuno dei vigili, che pure erano presenti almeno mentre mi insultavano, abbia mosso un dito per fermarli. Quando ho chiesto spiegazioni, gli agenti della polizia locale mi hanno risposto che già conoscevano i loro nomi”. Anche L’avvocato Venturi ha detto la sua sul presunto mancato intervento degli agenti. Ma il comandante della polizia locale Marco Agostini ha così motivato, riporta il Corriere del Veneto: “Gli agenti, arrivati quando le presunte violenze erano già avvenute, non sono intervenuti semplicemente perché i due soggetti sono noti e si rischiava di aggravare la tensione e di creare problemi di ordine pubblico. Stiamo indagando sul caso”. Il comandante ha poi aggiunto che i due aggressori sono stati beccati dalle autorità in altre risse e che hanno fatto spesso uso di sostanze stupefacenti.

Del ragazzo africano non c’è alcuna traccia, perché dopo le percosse, si è allontanato da luogo dell’aggressione, gravemente ferito.

Sconvolte le due viaggiatrici, ma Maria Pilar si è rifiutata di andare in ospedale, non volendo perdere l’aereo per la Spagna. “Appena tornerò in Italia, il 19 luglio, sporgerò querela“, assicura la donna al Corriere, anche se è ancora sotto choc per l’accaduto.