Xi Jinping, il vicepresidente cinese riappare in pubblico: era scomparso da 15 giorni

Pubblicato il 15 settembre 2012 10:21 | Ultimo aggiornamento: 15 settembre 2012 10:22
Xi Jinping

Xi Jinping (Ansa)

PECHINO  – Xi Jinping, il vicepresidente cinese di cui non si avevano notizie da 15 giorni, è riapparso in pubblico nella mattinata del 15 settembre. A scriverlo è l’agenzia Nuova Cina, anche se al momento non ci sono immagini video o fotografiche.

Secondo i media ufficiali, Xi è arrivato all’Università cinese dell’Agricoltura per attività legate alla Giornata nazionale per la diffusione delle scienze.

Il vicepresidente, nei giorni scorsi aveva annullato alcuni incontri diplomatici di alto profilo con il Segretario di Stato Usa Hillary Clinton, con il primo ministro di Singapore Lee Hsien Hong e con una delegazione russa e con la premier danese Helle Thorning-Schmidt.

La lunga assenza e il silenzio del governo e della stampa ufficiale avevano generato sui social network cinesi e sui media stranieri diverse voci in merito alla sorte del leader: negli ultimi giorni si era ipotizzato che Xi Jinping fosse stato vittima di un violento mal di schiena, di un infarto, di un cancro al fegato, o addirittura di un attentato, alimentando voci su una possibile crisi ai vertici del governo di Pechino.

La brevissima nota dell’agenzia Nuova Cina non chiarisce i motivi dell’assenza dell’uomo designato a succedere a Hu Jintao.