Scudo fiscale riaperto ai ritardari: fino ad aprile con sovra prezzo, 6 o 7%

Il ministro dell’economia Giulio Tremonti, prevede «due scadenze e due aliquote»; dall’entrata in vigore del decreto Milleproroghe fino a fine febbraio si pagherà il 6% (attualmente l’aliquota è al 5%), dall’inizio di marzo fino alla fine di aprile il 7%

tremontiIl Consiglio dei Ministri ha deciso la proroga dei termini per lo scudo fiscale, che slittano così al 30 aprile 2010.

Il provvedimento rientra nel decreto Milleproroghe. La riapertura dello scudo fiscale, spiega il ministro dell’economia Giulio Tremonti, prevede «due scadenze e due aliquote».

Dall’entrata in vigore del decreto Milleproroghe fino a fine febbraio si pagherà il 6% (attualmente l’aliquota è al 5%), dall’inizio di marzo fino alla fine di aprile il 7%.

Nessuna previsione sui possibili nuovi capitali sanabili e relativo gettito: la riapertura «è cifrata un euro», ha aggiunto Tremonti sorridendo e confermando che non c’è una stima ufficiale del governo.

Giulio Tremonti appare molto soddisfatto, e indica lo scudo fiscale – la sua creatura più recente – come «la più grande manovra finanziaria mai fatta da un Paese negli ultimi anni». Una manovra che «farà bene all’economia».

Gestione cookie