Ben Mohamed Ayari Borhane, detenuto radicalizzato evade a Milano: ricercato in tutta Italia FOTO

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 maggio 2018 14:10 | Ultimo aggiornamento: 18 maggio 2018 14:12

MILANO – Ben Mohamed Ayari Borhane era detenuto nel carcere milanese di Opera per traffico internazionale di stupefacenti. Dopo essere stato ricoverato [ App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, – Ladyblitz clicca qui – Cronaca Oggi, App su Google Play  al Fatebenefratelli di Milano per aver ingerito una lametta, il 43enne tunisino è scappato eludendo la sorveglianza di tre agenti. Sono scattate le ricerche da parte del Nucleo investigativo centrale della polizia penitenziaria, a livello nazionale, per individuarlo.

Il detenuto era a rischio radicalizzazione  “livello 1“, il più basso. Borhane si era infatti autoproclamato imam e pregava molto, invitando alla preghiera anche gli altri detenuti. L’uomo, che stava scontando nel carcere di Opera una pena per associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga (con fine pena oltre il 2030), è stato accompagnato al pronto soccorso dopo aver ingoiato una lametta da barba. Secondo quanto ricostruito finora, una volta arrivato in ospedale è scappato da una finestra , riuscendo a seminare gli agenti di sorveglianza. Le note di ricerca sono state diramate a tutte le forze dell’ordine.

Ben Mohamed Ayari Borhane

Ben Mohamed Ayari Borhane, il detenuto evaso a Milano (Ansa)