Barbara D’Urso, Ordine dei Giornalisti: “Sesso e violenza in fascia protetta”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Maggio 2015 15:17 | Ultimo aggiornamento: 12 Maggio 2015 16:15
Barbara D'Urso, per Ordine dei Giornalisti "sesso e violenza in fascia protetta"

Barbara D’Urso

ROMA – L’Ordine dei Giornalisti contro Barbara D’Urso: “Sesso e violenza nel suo programma tv durante la fascia protetta”, è l’accusa mossa dal presidente Enzo Iacopino, che ha chiesto l’intervento del Garante per la protezione dei dati personali in risposta al servizio andato in onda durante Pomeriggio 5 lo scorso 8 maggio tra le 17:40 e le 18:30 in cui si trattava di un caso di omicidio. 

La vicenda riguardava l’omicidio di una donna, Stefania, di cui è stato accusato un uomo, Alessandro. Iacopino sottolinea che

“la conduzione delle interviste, in contraddittorio tra i parenti della defunta e del presunto colpevole, è stata effettuata dalla Signora Barbara d’Urso senza la presenza di alcun giornalista. Nel programma sono state indicate, tra l’altro, abitudini e pratiche sessuali dei ‘personaggi’ coinvolti, violenze sessuali di cui la defunta sarebbe stata oggetto in precedenza da parte di congiunti/affini, citati referti medici e loro autori nonché persone terze estranee alla vicenda”.

Secondo il presidente dell’Ordine dei giornalisti “sono stati trattati argomenti e temi evidentemente inadeguati per la fascia ma soprattutto per i contenuti”.