Disfunzione erettile: protesi che imitano la natura o Viagra, Cialis, Levitra

Pubblicato il 30 settembre 2014 13:00 | Ultimo aggiornamento: 30 settembre 2014 13:00
Disfunzione erettile: protesi che imitano la natura o Viagra, Cialis, Levitra

Una protesi per contrastare la disfunzione erettile

ROMA – Le disfunzioni sessuali dell’uomo, note come deficit erettile si possono affrontare e anche curare con soluzioni chirurgiche e farmacologiche.

Dopo i 50 anni cominciano a manifestarsi una serie di problemi, metabolici, ormonali, vascolari che rendono meno brillante o addirittura inesistente l’erezione impedendo i rapporti sessuali e creando uno stato di bassa autostima, insicurezza e depressione.

Oggi è possibile consentire di recuperare una normale attività sessuale, penetrativa a quasi tutti i maschi che lo desiderino.

Si tratta di farsi valutare da uno specialista, effettuare poche analisi ematiche ormonali, valutare lo stato circolatorio dei corpi cavernosi del pene.

Sulla base di questi dati lo specialista potrebbe corslglìare l’assunzione dei . nuovi farmaci Viagra, Cialis, Levitra con ottima soddisfazione da parte del maschio.

Un certo numero di pazienti però non risponde a tali farmaci ed allora vanno considerate altre opportunità quali l’uso di iniezioni intracavernose di PGEl oppure la soluzione più antica e sicuramente migliore; la protesi peniena intracavernosa, la cui presenza non può essere vista dall’esterno (potrebbe essere paragonata alle protesi mammarie), consente una vita attiva assolutamente normale, lavori e sport di tutti i generi.

Esistono le protesi idrauliche, che rappresentano il non plus ultra delle protesi peniene, in condizioni di riposo sono assolutamente flaccide, non visibili e che vengono attivate manualmente in occasione dei rapporti sessuali.

È molto difficile scoprire che un maschio ha una protesi peniena idraulica. Il paziente potrebbe avere tale soluzione, definitiva, del suo problema con un ricovero di una notte, un intervento chirurgico in anestesia parziale, e veloce ritorno a domicilio ed alla attività fisica e lavorativa precedente.