photogallery

Sex-box nelle scuole elementari: peni e vagine di peluche per insegnare anatomia

BASILEA – In 30 scuole elementari di Basilea arrivano i “Sex-box“. L’iniziativa promossa dall’Ufficio federale della Sanità pubblica, in collaborazione con il ministero della Pubblica istruzione, prevede per i bambini dai 4 ai 6 anni l’insegnamento dell’anatomia del corpo umano e come avviene il concepimento.

Tra i 6 e 10 anni la spiegazione di argomenti come masturbazione, orientamento sessuale, preservativi, prima mestruazione e prima eiaculazione. Tra i 13 e i 15 anni si affrontano, invece, molteplici temi sessuali.

Questo tipo di educazione lanciato in forma sperimentale, dovrebbe diventare obbligatorio a partire dall’anno scolastico 2014/2015 per “fornire ai giovani le conoscenze essenziali, le capacità, le competenze e i valori di cui hanno bisogno per conoscere la loro sessualità, provando piacere fisico, psichico ed emozionale”.

Ma un gruppo di genitori ha lanciato una campagna nazionale per promuovere un referendum contro “la sessualizzazione negli asili e alle elementari”. La campagna ha raccolto in pochi mesi 100 mila firme e ora il governo federale dovrà indire un referendum.

La proposta dei promotori del referendum è di abolire l’educazione sessuale nelle scuole a bambini fino ai 9 anni di età, di renderla opzionale fino a 12 anni e obbligatoria per i più grandi a patto che sia condotta da insegnanti di biologia che si concentrino “sulla riproduzione” senza andare a toccare gli “aspetti sociali della sessualità”.

To Top