Usa, spogliarellista si masturba in cella: “Sesso orale se mi fate uscire”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Maggio 2014 11:07 | Ultimo aggiornamento: 23 Maggio 2014 11:08
Usa, spogliarellista si masturba in cella: "Sesso orale se mi fate uscire"

Usa, spogliarellista si masturba in cella: “Sesso orale se mi fate uscire”

MIAMI – “Sesso orale se mi fate uscire“. Lakeisha Johnson, una spogliarellista del Tootsie’s Cabaret di Miami, è stata arrestata il 19 maggio per resistenza a pubblico ufficiale. Appena entrata in cella, la donna ha dato vita al suo show: si è tolta i vestiti e completamente nuda ha iniziato a ballare ed esibirsi, anche masturbandosi, davanti agli agenti di polizia che la tenevano in custodia. Vedendo che lo show non aveva effetti, Lakeisha si è “offerta” di praticare del sesso orale se gli agenti l’avessero lasciata andare.

Tutto inizia lo scorso 19 maggio, quando gli agenti fermano la Johnson durante un’indagine per il furto di un iPad. Alle prime domande la donna dà in escandescenze, spogliandosi e aggredendo gli agenti, che l’hanno arrestata per resistenza a pubblico ufficiale.

Arrivata nella cella della polizia, la spogliarellista si è tolta i vestiti ed ha “esposto vagina, seni e ano”, scrivono nel rapporto gli agenti, gridando insulti e masturbandosi. Nemmeno davanti all’agente di polizia donna la Johnson ha arrestato il suo comportamento. Anzi la donna, a cui era stato ordinato di rivestirsi, si è spogliata di nuovo e ha iniziato a toccarsi.

Quando ha visto che lo show non funzionava, ha lanciato la sua offerta: “Vi succhierò il pene se mi lasciate andare”.

Anche questa offerta non ha funzionato e la donna è rimasta in cella. La Johnson dovrà rispondere dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, ma nessuna accusa le è stata imputata per il comportamento volgare.