Referendum Grecia, No al 61%. Trionfo Tsipras, schiaffo a Ue del rigore. VIDEO festeggiamenti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 luglio 2015 18:05 | Ultimo aggiornamento: 6 luglio 2015 16:36
Referendum Grecia, Exit poll Financial Times: No 51-53%

Referendum Grecia, Exit poll Financial Times: No 51-53%

ROMA – Una vittoria  netta. Molto più netta delle previsioni che davano il no in lieve vantaggio. La Grecia si schiera con il suo premier Alexis Tsipras e boccia il piano Ue (nel frattempo ritirato). A spoglio quasi ultimato, infatti, nel referendum greco il No viaggia sopra al 61% dei voti, contro il 39% dei sì. I dati sono ancora parziali, si tratta del 90% del campione, ma la tendenza è già chiaramente delineata. Tsipras ha fatto “all-in” e ha vinto la sua partita. Cosa sarà della Grecia da lunedì, però, è tutt’altra storia.

Nella sede di Syriza e a Piazza Syntagma dopo i primi dati è iniziata la festa. A votare sono stati il 65% dei greci: affluenza alta ma minore di quanto ipotizzato.

Ancora una volta a fare flop sono stati i sondaggisti e gli uomini degli exit poll che davano un testa a testa tra sì e no e una partita che si sarebbe decisa per un pugno di voti, non più di 40mila.

Gli Exit Poll. Il no in vantaggio. Tra il 51 e il 53%. Sarebbe questo, secondo un exit poll diffuso dal Financial Times, il risultato del referendum greco indetto da Alexis Tsipras. Dati che vengono in sostanza confermate dalle tv greche: tutte danno il no in lieve vantaggio.  L’incertezza però è massima: secondo nessun exit poll c’è la certezza della vittoria del no. 

Tutti i sondaggi delle tv greche danno il ‘No’ in vantaggio sul ‘Sì’ nel referendum. Ant1 dà il ‘No’ al 51% contro il 47% di ‘Sì’. Mega dà il ‘No’ al 51,5%, il ‘Sì’ al 48,5%. Per Skai il ‘No’ è al 52% contro il 48% di ‘Sì’, mentre Star dà il ‘No’ al 49% contro il 46% di ‘Sì’.  I dati si riferiscono a sondaggi, non exit-poll, condotti dalle varie televisioni non all’uscita dalle urne. 

Chi non sembra cauto è proprio il gruppo dirigente di Syriza, il parito di Tsipras.  Un urlo di gioia nella sede di Syriza ha infatti  accolto i primi sondaggi sulle indicazioni di voto pubblicati in tv subito dopo la chiusura dei seggi per il referendum. In tanti, ha constatato l’inviato ANSA sul posto, hanno fotografato con i cellulari le schermate tv che rimandavano i primi dati, mentre alcuni dirigenti del partito invitano alla calma.

Primi commenti dal governo. La Grecia “farà tutti gli sforzi possibili per arrivare presto ad un accordo” con i creditori, “anche nelle prossime 48 ore”. Lo ha detto il portavoce del governo Sakellaridis alla Tv greca.

Nel frattempo Piazza Syntagma è già affollata di greci che attendono l’esito delle consultazioni: le urne si sono chiuse alle ore 18 italiane. Alexis Tsipras, al momento del voto ha parlato di “democrazia che batte la paura”. Dalla Germania, invece, lo Spiegel riporta una dura dichiarazione di Angela Merkel: “Tsipras manda la Grecia a sbattere a occhi aperti contro il muro”.

Festeggiamenti piazza Syntagma.