Berlusconi pensa alla piazza per compattare i suoi, manifestazione il 27 luglio

Pubblicato il 15 luglio 2010 18:24 | Ultimo aggiornamento: 15 luglio 2010 20:00

Berlusconi raduna i suoi per compattare il Pdl. Dunque cosa meglio della piazza? Il presidente del Consiglio ha pensato a una manifestazione lunga un giorno, il 27 luglio, in piazza di Pietra a Roma per rilanciare il partito e lasciarsi alle spalle i malumori degli ultimi tempi. Prima il caso Scajola, poi Brancher, ieri anche le dimissioni di Nicola Cosentino da sottosegretario al ministero dell’Economia.

Il Cavaliere ha bisogno che i militanti rinnovino la ”propria vicinanza al premier”, soprattutto in questo periodo. Il programma non è stato ancora definito e non c’è ancora nulla di ufficiale. La manifestazione dovrebbe iniziare di mattina e protrarsi per tutto il giorno nella piccola piazza a pochi passi da Montecitorio. Probabile che Berlusconi decida di fare una visita nel corso della giornata, anche se da parte del suo entourage non trapela nulla. Il presidente del Consiglio tornerebbe cosi’ a parlare in pubblico, dopo un lungo periodo durante il quale ha preferito affidarsi a note ufficiali e a messaggi sul web.

Uno dei temi principali dovrebbe essere il provvedimento sulle intercettazioni allo studio della Camera dei deputati. Il Pdl vuole dimostrare che non si tratta di una ”legge bavaglio” ma, come piu’ volte ha detto Berlusconi, “di un provvedimento per tutelare il sacrosanto diritto alla privacy” dei cittadini. Il ddl è al centro di un negoziato all’interno della maggioranza, motivo che ha spinto a non sciogliere ancora il nodo se fare o meno la manifestazione proprio sulle intercettazioni. All’evento lavorano i Promotori della Liberta’, in prima battuta, i club delle libertà e le altre realtà del partito.