Governo, D’Alema: “Se perde le amministrative Berlusconi vada a casa”

Pubblicato il 28 Aprile 2011 - 08:22 OLTRE 6 MESI FA

Massimo D'Alema

ROMA – ”Berlusconi avrebbe gia’ dovuto dimettersi da un pezzo. Non ha pi la maggioranza parlamentare, se l’e’ dovuta comprare. Ma ora siamo alla resa dei conti: se le elezioni amministrative dimostreranno che la maggioranza politica che vinse le elezioni, oltre a non esistere in Parlamento, non c’è più neanche nel Paese, allora il premier ne dovra’ trarre le logiche conseguenze”.

A dirlo è il presidente del Copasir e dirigente del Pd Massimo D’Alema in una lunga intervista a Repubblica. ”Questo centrodestra naviga a vista. L’unica bussola sono gli interessi personali di Berlusconi: i processi, gli affari, le donne. Al di fuori di questo c’è il nulla”, attacca D’Alema. ”Mai come oggi Berlusconi e’ in clamorosa difficoltà e si può battere”, sottolinea l’ex premier, anche se, aggiunge, ”io non faccio pronostici”.

D’Alema lancia quindi un appello a tutte le opposizioni: ”Concentriamo i nostri sforzi su questa campagna elettorale, riduciamo al minimo le polemiche e stabiliamo una vera e propria ‘disciplina repubblicana’: ai ballottaggi si marcia uniti, senza se e senza ma”. Nell’intervista il presidente del Copasir definisce una ”proposta positiva” quella di Veltroni e Pisanu sul governo di decantazione. Tuttavia ”il premier non se ne vuole andare, quindi si può solo batterlo alle elezioni”.

Quanto alle alleanze, ”per superare il berlusconismo e un’idea di bipolarismo malato serve il contributo di moderati e progressisti. Il centrosinistra da solo non basta, anche se ora forse sarebbe in grado di vincere le elezioni”. L’ipotesi di un’elezione di Berlusconi al Quirinale ”e’ una prospettiva ancora piu’ impensabile e nefasta del suo permanere alla guida del governo. Sarebbe devastante”, conclude D’Alema. ”Alle prossime amministrative la posta in gioco e’ anche questa”.