Napoli, il consigliere Pdl Salvatore Varriale si dimette e salva la Iervolino

Pubblicato il 4 Marzo 2011 19:12 | Ultimo aggiornamento: 4 Marzo 2011 19:13

Salvatore Varriale

NAPOLI – Il consigliere comunale del Pdl, Salvatore Varriale, presenta le sue dimissioni e ”salva in zona Cesarini” il sindaco Rosa Russo Iervolino. Da qui le accuse degli stessi esponenti di centrodestra: ”Hai vanificato la nostra operazione”.

Secondo quanto spiegano il vicepresidente del Gruppo Pdl al Consiglio comunale , Ciro Signoriello, il capogruppo di Forza Italia, Ciro Monaco, e Umberto Minopoli e Dario Cigliano (PdL), ”il centrodestra, proprio in queste ore, stava per riassemblare le 31 firme di dimissioni e determinare finalmente lo scioglimento del Consiglio comunale dopo la decisione del Prefetto di dichiararle nulle nella originaria presentazione per vizio formale”.

Le dimissioni di Varriale, essendo state presentate formalmente e quindi, ”efficaci”, fanno scattare la surroga: a sostituirlo Emilio Ravanolo che, nel frattempo,  si è avvicinato all’Idv. Non solo, le dimissioni fanno cadere il fattore della contestualità della presentazione delle firme di dimissioni, necessario per comportare lo scioglimento del consiglio comunale e, di conseguenza, il numero, 31, di firme necessario a tal fine: fermo restando che resti identico lo scenario dei 31 consiglieri coinvolti.

”Varriale non dimentichi che è stato nominato presidente della So.Re.Sa. grazie ad una nomina del centrodestra – concludono – oggi con la sua azione trasformista e di fatto consociativa vanifica il raggiungimento delle 31 firme necessarie per lo scioglimento del Consiglio, producendo un assurdo effetto salvifico per il sindaco e la sua Giunta. Chiediamo l’intervento immediato del partito affinché adotti i provvedimenti che quest’azione, a nostro avviso molto grave, richiede, nei confronti del consigliere Salvatore Varriale”.

[gmap]