Legge di stabilità, Balduzzi: “No tagli alla sanità, mi batterò”

I tagli alla sanità dettati dalla legge di stabilità non vanno fatti. A schierarsi contro i tagli è il ministro Renato Balduzzi, che si è detto pronto a battersi per un ripensamento dei colleghi ministri sulle riduzioni di fondi in campo sanitario.
Renato Balduzzi (LaPresse)

ROMA – Il ministro della Sanità Renato Balduzzi annuncia la sua lotta contro i tagli dettati dalla legge di stabilità. Balduzzi ha parlato al Tg1 di un “confronto pacato ma serrato” al Consiglio dei ministri, che ha portato un intervento “molto inferiore rispetto a quello paventato” nel campo sanitario.

Il ministro ha detto: “Mi farò carico ancora di presentare ai miei colleghi le ragioni per cui va ripensato l’intervento in campo sanitario”. La legge di stabilità, ha poi aggiunto Balduzzi, ”contiene moltissime cose interessanti” ma ”il profilo più problematico resta quello delle riduzioni sulla sanità, molto inferiori rispetto a quello paventato alla vigilia ma che incidono su un settore che ha già subito molte riduzioni negli ultimi anni” e che ”complessivamente dà risultati ottimi pur con la spesa più bassa a livello europeo”.

 

Gestione cookie