Pd, Gianni Cuperlo replica a Renzi: “Il congresso è ancora tutto da fare”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 settembre 2013 23:28 | Ultimo aggiornamento: 11 settembre 2013 23:28
Pd, Gianni Cuperlo replica a Renzi: "Il congresso è ancora tutto da fare"

Gianni Cuperlo (Pd)

BOLOGNA – ”Ieri mi hanno detto che sono come la nazionale jamaicana di bob, adesso mi si dice che il congresso è già concluso. Ma no, adesso vado alla festa che il congresso è ancora tutto da fare”. L’ha detto il candidato alla guida del Partito democratico Gianni Cuperlo, rispondendo alle domande dei giornalisti al suo arrivo alla Festa dell’Unità di Bologna.

A chi gli chiedeva se era rimasto stupito dagli endorsement di alcuni dirigenti democratici nei confronti di Matteo Renzi, ha risposto di augurarsi, anzi, di essere convinto che ”sarà un congresso di libertà, dove ci si confronterà liberamente sulle piattaforme, sulle proposte, sui contenuti, sui valori e naturalmente anche sulle candidature”.

“Quello che non mi convince – ha aggiunto – è che ci siano delle divisioni che si ripropongono secondo gli schemi del passato”. Per Cuperlo “ci sarà una mescolanza perché questo Pd è già oggi un amalgama molto più avanzato di quanto a volte non si pensi”.

Investire sul partito democratico’‘, è questa la principale differenza fra lui e il suo competitor, Matteo Renzi. ”Io penso che il governo da solo non basti – ha detto Cuperlo – Senza un partito radicato, forte, partecipato che riscopra le ragioni della passione dentro la dimensione del partito, faremo più fatica a tornare a vincere anche per governare il Paese”.