Il Fatto: Pisapia stia attento a quei corteggiamenti…

Pubblicato il 1 Giugno 2011 13:27 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2011 13:27

MILANO – Vittorio Malagutti sul ‘Fatto Quotidiano’ mette sull’avviso il neo sindaco, Giuliano Pisapia, dalle minacce che posso incombere su di lui dalla “Milano che conta”. Malagutti infatti guarda con sospetto a un’intervista rilasciata dal finanziere Francesco Micheli al Corriere della Sera in cui il ‘consulente preferito del costruttore Salvatore Ligresti’ ha supportato Pisapia dicendo: “Milano può diventare più bella, purché non si lasci nelle mani di immobiliaristi spregiudicati”.

Tutto giusto, commenta Malagutti, se non fosse che Micheli è da più parti accreditato come il consigliere di Ligresti che a Milano, si legge, “fa e disfa, investe, compra e vende palazzi e terreni”. E questo interesse per Pisapia, questa la teoria del ‘Fatto Quotidiano’, da parte di chi a Milano ha interesse nel mattone, sembra quantomai “strumentale”. Malagutti ricorda che, in realtà, Micheli aveva iniziato a “corteggiare” Pisapia una settimana fa: “Aveva organizzato una cena a casa sua con ospite d’onore Pisapia. Tra gli invitati anche l’immobiliarista Manfredi Catella, patron del gruppo Hines Italia. Sono suoi alcuni cantieri che stanno cambiando il volto del centro città: Garibaldi, Porta Nuova Varesine. Catella è socio di Ligresti e, manco a dirlo, buon amico di Micheli. Una cena per conoscersi, parlarsi, magari capirsi. Anche perché il nuovo sindaco in campagna elettorale ha promesso di smantellare il Pgt, il Piano di governo del territorio, varato a suo tempo dagli assessori della Moratti. Insomma, si ricomincia. In gioco ci sono affari miliardari“.