Precari, Cgil: “230mila contratti in scadenza il 31/12. Rischio bomba sociale”

Pubblicato il 22 Novembre 2012 19:57 | Ultimo aggiornamento: 22 Novembre 2012 20:54
Emergenza precari, Cgil: "230mila contratti in scadenza, rischio bomba sociale"

Emergenza precari, Cgil: “230mila contratti in scadenza, rischio bomba sociale” (Foto LaPresse)

ROMA – Scadenza di contratto per 230mila precari.La Cgil lancia l’allarme: “Una vera e propria bomba sociale che potrebbe esplodere il 31 dicembre”. Data in cui gran parte degli oltre 160mila precari della pubblica amministrazione vedrà il proprio contratto scadere. Bomba sociale che secondo il sindacato Cgil “deve essere disinnescata attraverso un provvedimento urgente di proroga immediata dei contratti”.

Non bisogna poi dimenticare, aggiunge la Cgil, ”che al termine dell’anno scolastico saranno oltre 70 mila persone del settore scuola a ritrovarsi senza contratto, senza stipendio e senza lavoro, per la scadenza del loro contratto annuale”. Con una ”ricognizione sul fenomeno del precariato” la Cgil ”punta il dito contro l’effetto perverso determinato da una legge come la Spending Review che elimina posti di lavoro e le ultime manovre che tagliano il lavoro precario”.

Sul primo punto, spiega il sindacato, “la manovra di taglio delle dotazioni organiche delle amministrazioni centrali, tra questi ministeri, enti previdenziali, agenzie fiscali, enti di ricerca e altro, ha portato a 4.028 posti di lavoro in meno e ad altrettante eccedenze di lavoratori”.

Numeri che per la Cgil sono “assolutamente parziali e che rischiano di essere di più di quelli indicati dalla stessa Ragioneria generale dello Stato in 24 mila. Mancano infatti da questo conto ”l’Inps, il Ministero degli Interni, degli Esteri e dell’Economia, così come non ci sono le agenzie fiscali e la stessa Presidenza del Consiglio”. E “continuano a mancare poi Comuni e Province”, mentre “non è ancora chiaro il destino delle oltre 5 mila persone che lavorano nei Centri per l’impiego”.

Inoltre, dice la Cgil, “sta per esplodere il tema del lavoro precario nelle amministrazioni pubbliche”. I dati “assolutamente parziali” forniti dal Ministero della Funzione pubblica il 21 novembre parlano di 5.900 precari (tra tempi determinati, Cococo e interinali) il cui contratto di lavoro scade entro la fine dell’anno o al massimo entro giugno del prossimo”.

Per la Cgil “una goccia nel mare del precariato”, costituito ”da 90 mila contratti a tempo determinato, 12 mila interinali, 18 mila Lsu e 42 mila contratti di collaborazione”. Sono 162 mila i lavoratori ”che rischiano il non rinnovo dei contratti di lavoro”. Solo per quanto riguarda “la sanità infatti si parla di un bacino di precari pari a circa 40 mila lavoratori, circa 10 mila di questi medici.”

E ancora, l’emergenza precariato si rileva anche nei numeri della scuola. “In questo segmento contiamo 200 mila lavoratori presenti nelle graduatorie, di questi 70 mila lavorano con un contratto annuale che scadrà entro la fine dell’anno scolastico mentre occupano posti vacanti”. ”Sarebbe grave se il Governo – conclude la Cgil – continuasse ad ignorare il problema rendendosi in tal modo responsabile di licenziamenti di massa”.