L’ambasciatore Daniele Mancini rischia il carcere. Parla l’ex difensore dei marò

Pubblicato il 17 Marzo 2013 - 08:09 OLTRE 6 MESI FA

I due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

NEW DELHI – Daniele Mancini, ambasciatore italiano in India, rischierebbe il carcere per la vicenda dei due marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. E’ la tesi di Harish Slave, l’avvocato che fino all’11 marzo ha difeso gli interessi italiana per poi rinunciare in disaccordo con la decisione di Roma. La Corte suprema indiana, secondo Slave, può ”teoricamente ordinare l’arresto” dell’ambasciatore d’Italia Daniele Mancini ritenendolo responsabile del non ritorno dei maro’ in India.

Intervistato nel programma ‘Devil’s Advocate’ della tv CNN-IBN, Salve, che non ha condiviso la decisione di trattenere in Italia Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, ha sostenuto che Mancini non rispettando la dichiarazione giurata depositata presso la Corte Suprema si e’ reso responsabile di ”oltraggio alla Corte”.

Secondo Salve l’ambasciatore non potrebbe far valere una immunità diplomatica perché ”la nostra Costituzione stabilisce che tutti agiscano in aiuto e secondo gli orientamenti della Corte Suprema”.

Dopo essersi detto certo che i giudici del massimo tribunale ”agiranno” nei confronti di Mancini (una udienza è stata fissata per domattina a New Delhi, ndr.), Salve ha ribadito che ”teoricamente” il diplomatico potrebbe ”andare in prigione”.

Sul piano pratico, ha concluso, ”dipende da come (i giudici) vorranno regolarsi con lui. Ma possono, se vogliono, mandarlo in carcere”.