Usa. Sale attesa per decisione Corte Suprema su riforma sanitaria di Obama

Pubblicato il 18 Giugno 2012 18:57 | Ultimo aggiornamento: 5 Luglio 2012 17:58

La Corte Suprema degli Stati Uniti

WASHINGTON, STATI UNITI – Sale la febbre per l’attesa decisione della Corte Suprema sulla riforma sanitaria di Barack Obama. Il responso e’ atteso nelle prossime due settimane, anche se alcuni osservatori non escludono che possa verificarsi gia’ lunedi’ prossimo, il 18 giugno.

I repubblicani e i democratici attendono, pronti a darsi battaglia politica qualunque sia il risultato finale. A pochi mesi dalle elezioni presidenziali, il duello tra il presidente uscente Barack Obama e il candidato repubblicano Mitt Romney.

Sono in posizione di attesa anche le maggiori assicurazioni, alcune delle quali hanno comunque gia’ annunciato l’intenzione di mantenere, a prescindere dalla presa di posizione della Corte, alcuni degli elementi piu’ apprezzati della riforma Obama, quali i servizi di prevenzione e la possibilita’ dei genitori di mantenere la copertura per i propri figli fino ai 26 anni. La decisione della Corte Suprema non sara’ probabilmente presa con una maggioranza forte e ci saranno forti disaccordi, secondo il giudice della Corte Suprema Ruth Bader Ginsburg.

Ma la giudice ‘liberal’ non ha offerto indicazioni ne’ sulla data ne’ su come si stia svolgendo il dibattito interno ai giudici. Ginsburg definisce pero’ le audizioni sull’Obamacare dei mesi scorsi ”senza precedenti” per il numero di conferenze stampa organizzate, i circoli di preghiera e le proteste che si sono verificate sui gradini all’ingresso dell’edificio che ospita la Corte, dietro Capitol Hill, a Washington.

Le decisioni che la Corte prendera’ nelle prossime due settimane saranno ravvicinate, e senza una maggioranza forte: molti dei casi – si limita a dire la Ginsburg – sono ”controversi ed e’ probabile che il tasso di disaccordo andra’ su e giu”, a seconda del momento e dell’argomento studiato. Fortemente voluta dal presidente americano due anni fa, la riforma della sanita’ e’ ora appesa alla sentenza dei nove saggi – cinque di nomina repubblicana e quattro di nomina democratica – della Corte Suprema, ed il suo futuro appare in bilico.

Un futuro al quale potrebbero addirittura essere legate le chance di rielezione di Obama, secondo alcuni osservatori. Una bocciatura della ‘Obamacare’ potrebbe essere fatale per l’attuale inquilino della Casa Bianca, anche se non tutti sono d’accordo. Alcuni ritengono infatti che una bocciatura possa rappresentare un’ulteriore chance per attaccare i repubblicani e il suo avversario, Mitt Romney. Il punto piu’ caldo della riforma e’ la costituzionalita’ della norma piu’ controversa della legge, quella che entro il 2014 rende obbligatoria l’assicurazione medica per tutti i cittadini statunitensi, pena il pagamento di sanzioni.