M5S, fanta-governo secondo Libero: Di Maio premier, Travaglio ministro

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 Maggio 2014 11:17 | Ultimo aggiornamento: 20 Maggio 2014 11:17
Luigi Di Maio

Luigi Di Maio

ROMA – Luigi Di Maio premier. Marco Travaglio ministro della Giustizia. E poi nell’esecutivo tanti nomi di deputati e senatori 5 Stelle che si sono distinti nelle Commissioni e nei lavori d’aula. Libero pubblica una fantasiosa squadra di governo 5 Stelle.

Non troppo di fantasia però: secondo il quotidiano di centrodestra il Movimento, aspettandosi un risultato clamoroso alle Europee, accarezzerebbe l’idea di un governo tutto suo. Scrive Libero:

Al posto di Matteo Renzi radio 5 Stelle indica con unanimità di consensi Luigi Di Maio. Il diretto interessato, ovviamente, smentisce, nega,glissa. «Robadafantacalcio »,dice sorridendo il vice presidente della Camera a chi lo interroga sul tema.

Allo Sviluppo Economico, sempre le voci interne al Movimento, andrebbe il deputato Mattia Fantinati. Un nome sconosciuto ai più,ma di grande appeal fra i grillini. «Il lavoro che sta facendo all’interno della commissione Attività produttive, commercioeturismodella Camera è da Oscar», diconoi suoi colleghi, «sia in termini di quantità che di qualità».

E se per caso Fantinati dovesse aver bisogno di consulenti esterni, radio 5 Stelle indica nell’imprenditore Arturo Artom, «in sintona con Casaleggio », e nell’economista Loretta Napoleoni due validi sostegni. Quest’ultima, in particolare, potrebbe anche essere dirottotata verso il dicastero di viale XX Settembre. Alle Riforme, invece, andrebbe il vicepresidente della Commissione Affari costituzionali della Camera Danilo Toninelli, mentre il presidente della Commissione di Vigilanza sulla Rai, Roberto Fico, avrebbe davanti a sé una doppia chance. O vice ministro allo Sviluppo economico con delega alle comunicazioni o il ministero dell’Interno, «Sempre che non venga indicato per il consiglio di amministrazione dellaRai»,dicono alcuni colleghi. Anche inquestocasoildiretto interessato sorride epassa oltre. «Non so niente, è prematuro ». Il resto dell’esecutivo potrebbe essere composto da Laura Castelli alla Funzione Pubblica, Barbara Iezzi agli Esteri, con l’opzione Alessandro Di Battista quale ottimo outsider. E Grillo e Casaleggio? Silenzio. In fondo loro sono i capi e i capi scelgono sempre il meglio.