I fedelissimi dell’Esperanto si sono incontrati a Torino

Pubblicato il 1 Settembre 2011 8:00 | Ultimo aggiornamento: 31 Agosto 2011 21:13

TORINO – L’Esperanto che non si arrende. Con 400 delegati tra italiani e stranieri si è concluso a Torino il 78esimo congresso nazionale dedicato alla lingua internazionale che per una breve stagione si è pensato che avrebbe sostituito l’inglese. Per l’evento in occasione dei 150 anni dell’unità di Italia è stata presentata anche un’edizione di lusso e tradotta appunto in questa lingua transnazionale della Divina Commedia.

Non sono mancati rappresentanti proveniente dalla Russia, l’India e il Brasile. Anche la Commissione Europea ha contribuito al congresso con un seminario ad hoc intitolato “E adesso facciamo gli europei”. L’Esperanto, nato ormai più di cento anni fa, è stato il tentativo a tavolino di affiancare alle varie parlate nazionali un nuovo linguaggio con una struttura semplice, con poche regole grammaticali e senza complicate eccezioni. Negli anni Ottanta la sua diffusione è stata tale per cui si è pensato che sarebbe riuscito perfino a soppiantare l’inglese come lingua della comunicazione internazionale.

Così non è stato, e si calcola che siano solo in due milioni in tutto il Mondo a parlare l’Esperanto. Per Aldo Grassini, presidente della Federazione Esperantista Italiana, è difficile capire quale sarà il futuro di questa lingua: “Non si sa cosa succederà. Oggi – continua – la lingua più parlata da persone di Paesi diversi è l’inglese. Ma si tratta di un linguaggio iniquo, che alcuni parlano già quotidianamente e la cui diffusione si basa principalmente su ragioni economiche. Invece l’Esperanto mette tutti allo stesso livello e porta un messaggio di fratellanza. Non è un gioco per intellettuali: è una lingua vera e propria che da 124 anni resiste al tempo e alle vicende drammatiche che hanno caratterizzato il Novecento”.

E l’Esperanto nel nostro Paese ha i suoi estimatori, tanto che è possibile trovare tradotti non soli “I promessi sposi” o appunto “La Divina Commedia”, ma anche fumetti come Lupo Alberto o Ratman. Il prossimo incontro nazionale sarà nel 2012 a Mazara del Vallo.