“Andrea Agnelli è un Giuda”. E due: anche Cairo dopo Ceferin, che ricorda anche la Juve in B

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Aprile 2021 13:00 | Ultimo aggiornamento: 20 Aprile 2021 18:39
"Andrea Agnelli è un Giuda". E due: anche Cairo dopo Ceferin, che ricorda anche la Juve in B

“Andrea Agnelli è un Giuda”. E due: anche Cairo dopo Ceferin, che ricorda anche la Juve in B FOTO ANSA

Andrea Agnelli è un Giuda”, e fanno due in meno di un giorno: ieri era Ceferin, oggi è Cairo a scagliarsi contro il presidente della Juventus per via della Super League. Ceferin, che è il capo dell’Uefa, non ha detto proprio Giuda ma ha commentato dicendo di non aver mai visto una persona mentire così. Poi passate poche ore ha anche ricordato la Juventus in serie B. Ma andiamo con ordine e partiamo dal presidente del Torino Urbano Cairo.

Cairo contro Andrea Agnelli: “E’ un Giuda”

“È un attentato alla salute di una associazione come la Lega: se uno come Marotta, ad dell’Inter, fa una cosa del genere si deve dimettere dalla Figc subito, e deve vergognarsi”. Così dice telefono con l’Ansa il presidente del Torino Urbano Cairo dopo la riunione della Lega Serie A sul tema Superlega è durissimo. “Tu sei ad dell’Inter, società che ha concepito con altre 11 il progetto Superlega, non puoi rimanere a rappresentare la Serie A in Figc perché stai attentando alla vita di una associazione – prosegue Cairo -. Il progetto non andrà in porto, ma chi lo ha concepito sta attentando alla lega di serie A e per questo tradimento deve dimettersi e vergognarsi. E la stessa cosa vale per Agnelli“.

“Sembra che il progetto l’abbiano depositato il 10 gennaio – continua – quindi gli ho detto durante la riunione ‘come puoi venire qui a parlare di solidarietà quando hai sabotato la trattativa coi fondi, sapendo già che stavi facendo la Superlega? Come puoi andare a trattare per l’operazione fondi quando stai già lavorando alla Superlega?. Ma come si fa? È un tradimento, è da Giuda“, conclude Cairo.

Ceferin, Andrea Agnelli e la Juventus in serie B

Il presidente della Uefa Ceferin ribadisce la sua visione del calcio e non risparmia l’ennesima stoccata a Manchester United e Juventus, i cui proprietari sono anche i vicepresidenti della nuova Superlega: “Le grandi società attuali non sempre lo sono state e non è detto che continuino a esserlo in futuro. Quarant’anni fa questa Superlega avrebbe incluso Nottingham Forest e Aston Villa. Dov’era il Manchester United nel decennio precedente all’arrivo di Sir Alex Ferguson? Dov’era la Juventus quindici anni fa?”. Era in serie B, dopo Calciopoli.