Calciomercato Milan: Pato, Kaka, Beckham; occhio al Psg di Ancelotti

Pubblicato il 4 Gennaio 2012 0:02 | Ultimo aggiornamento: 3 Gennaio 2012 21:57

Pato Alexandre (LaPresse)

PARIGI  – Fotografati a Parigi alla presunta ricerca di casa, addirittura individuati gli emissari che avrebbero dovuto iscrivere i figli a una celebre scuola inglese del centro storico, i Beckham resteranno invece un sogno per il Paris Saint Germain di Leonardo Araujo e Ancelotti.

Carlo Ancelotti, che domani affronta il suo passato a Dubai esordendo in panchina contro il Milan, sogna pero’ piu’ Pato e Kaka’ di quanto non rimpianga lo Spice Boy. E con i 61,5 milioni messi a disposizione dal presidente qatariota, l’obiettivo e’ possibile.

Il trentasettenne inglese gia’ eroe di Manchester e Madrid, ha deciso di restare ai Los Angeles Galaxy, anche se – ha detto Leonardo – ”aveva molta voglia di venire a Parigi. Ma il benessere della sua famiglia a Los Angeles (Victoria si sarebbe opposta per evitare di tornare a vivere sotto i flash dei paparazzi, ndr) e la volonta’ di non cambiare nuovamente tutto nella sua vita, hanno pesato molto.

E non e’ stato l’arrivo di Carlo Ancelotti a far cambiare tutto”. Il tecnico, che aveva avuto Beckham al Milan, aveva pero’ rifiutato di annunciare lui stesso la fine della saga-Beckham appena qualche minuto prima del no definitivo di Leonardo. Insomma, capitolo chiuso anche ufficialmente, ‘Beck’ e il sogno del PSG di vendere un milione di magliette con stampato il suo nome sono definitivamente tramontati.

Una fonte di Qatar Sports Investments, la societa’ proprietaria del PSG, ha pero’ prontamente consolato i tifosi, annunciando che il club e’ pronto a sborsare 61,5 milioni per una coppia che colorerebbe ancora piu’ di rossonero il PSG, Kaka’-Pato. Un affare che, stando alla stessa fonte, dovrebbe farsi prestissimo, ”entro 15 giorni”.

Negli ambienti parigini si insiste sul fatto che l’avvento di Ancelotti ha cambiato tutto sul fronte di Alexandre Pato, e che il milanista sarebbe ora di nuovo tentato di sbarcare al Parco dei Principi con il suo vecchio allenatore. Discorso simile per Kaka’, che ritroverebbe, dopo la poco gloriosa avventura madrilena, colui che dalla panchina lo guido’ a vincere il Pallone d’Oro 2007.

Per entrambi, al momento, Milan e Real hanno sbarrato la strada. Il tesoretto che gli emiri metterebbero a disposizione, dopo gli 85 milioni gia’ spesi per Pastore, Menez e gli altri protagonisti del nuovo ciclo, potrebbe pero’ dare una svolta alle trattative. Di Pato, Leonardo e Ancelotti potranno parlare domani con i dirigenti rossoneri in occasione dell’amichevole di Dubai, e cercare una soluzione concordata.

La partita non sara’ un semplice allenamento, i giornalisti de L’Equipe presenti sul posto assicurano che l’era Ancelotti e’ cominciata e che il tecnico ha tenuto alla squadra un discorso molto duro sui comportamenti e sull’atteggiamento in campo: ”mi aspetto da voi un comportamento irreprensibile – ha detto Carletto agli atleti riuniti per una partitella su campo ridotto – saro’ rigidissimo su qualsiasi ritardo agli allenamenti, al vostro impegno durante le sedute, al vostro atteggiamento”.

Insomma, per il quotidiano sportivo parigino, ”ci sara’ poco spazio per le risate” con Ancelotti, che pur arrivando ”dal paese della Dolce Vita” ha gia’ mostrato tutta la sua voglia di imporre un ”rigore all’italiana”. .