Catania, Pulvirenti: “Compravo partite, 100mila l’una. Varese, Latina…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Giugno 2015 13:42 | Ultimo aggiornamento: 29 Giugno 2015 14:13
Nino Pulvirenti (foto Ansa)

Nino Pulvirenti (foto Ansa)

ROMA – “Ne ho comprate cinque, le pagavo 100mila euro l’una”. Il presidente del Catania Calcio, Antonino Pulvirenti, ha ammesso davanti al Gip di Catania  di aver comprato cinque partite del campionato di serie B per evitare la retrocessione della squadra. Pulvirenti ha confessato di aver pagato 100.000 per ciascuna delle partite truccate.

Sono cinque le partite per cui la Procura di Catania “ritiene accertata la combine”: le gare furono giocate tra aprile e maggio 2015, Partite in cui  i siciliani raccolsero 4 vittorie e un pareggio: Varese-Catania 0-3, Catania-Trapani 4-1, Latina-Catania 1-2, Catania-Ternana 2-0, Catania-Livorno 1-1.

Interrogato dal gip Fabio Di Giacomo, anche l’amministratore delegato del Catania, Pablo Cosentino. “Non so nulla di combine, sono estraneo a tutti i fatti che mi contestate, se lo avessi fatto sarei stato un folle e se lo ha fatto Pulvirenti è un folle”, ha detto Cosentino nell’interrogatorio al gip.