Carlo Tavecchio, la Fifa scrive alla Figc: “Indagare sulle sue parole” VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Luglio 2014 12:33 | Ultimo aggiornamento: 28 Luglio 2014 13:03
Carlo Tavecchio, la Fifa scrive alla Figc: "Indagare sulle sue parole" VIDEO

Carlo Tavecchio, la Fifa scrive alla Figc: “Indagare sulle sue parole” VIDEO

ROMA – La Fifa scrive alla Figc: “Indagare sulle parole di Tavecchio“.

Si allarga la polemica su Carlo Tavecchio e la sua gaffe razzista . Tavecchio, l’uomo che 18 squadre di serie A su 20 hanno scelto per affidargli la guida del calcio italiano, adesso rischia la candidatura (rilanciando quella di Albertini) alla guida della Lega.

Questo il comunicato della Fifa pubblicato sul sito ufficiale.

La parole di Tavecchio “hanno allertato la Task Force della Fifa contro il razzismo e la discriminazione e il suo presidente Jeffrey Webb”, scrive la Fifa, spiegando che nella missiva ha ricordato alla Federcalcio italiana che “la lotta contro il razzismo è di massima priorità”.

“Per questo motivo – sottolinea la nota – la Fifa ha scritto una lettera alla Federcalcio chiedendogli di indagare e decidere sulla questione” e poi di “riferire” alla stessa Fifa.  

Nella lettera, inoltre, la Fifa ha ricordato alla Figc “che la lotta contro il razzismo è una priorità assoluta” per l’ente presieduto da Blatter, e che “nel 2013, il Congresso della Federazione internazionale ha approvato all’unanimità una forte risoluzione sulla lotta contro il razzismo e la discriminazione in cui, tra l’altro, ha ricordato alle federazioni affiliate il loro obbligo di mettere in campo il massimo sforzo per eliminare il razzismo e la discriminazione nel calcio”.

Nella sua missiva, infine, “la Fifa ha anche sottolineato che i dirigenti della comunità calcistica sono tenuti ad agire come modelli di riferimento nella lotta contro il razzismo”.

Tutto succede venerdì 25 luglio mentre il favorito alla presidenza Figc interviene all’assemblea dei dilettanti.

“Le questioni di accoglienza sono una cosa, quelle del gioco un’altra. L’Inghilterra individua dei soggetti che entrano, se hanno professionalità per farli giocare, noi invece diciamo che ‘Opti Poba’ è venuto qua che prima mangiava le banane e adesso gioca titolare nella Lazio e va bene così”.

“In Inghilterra deve dimostrare il suo curriculum e il suo pedigree”.

La sala resta in silenzio, e non manca un certo imbarazzo. Quando, a distanza di qualche ora, gli viene fatto notare il tutto prova a scusarsi:

“Le banane? Non mi ricordo neppure se ho usato quel termine, e comunque mi riferivo al curriculum e alla professionalità richiesti dal calcio inglese per i giocatori che vengono dall’Africa o da altri paesi”.

Ora però interviene anche la Fifa e Tavecchio potrebbe perdere il posto, dopo aver già perso la faccia.