Catania-Juventus si rigioca? “No, non c’è un errore tecnico”

Pubblicato il 29 Ottobre 2012 15:36 | Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre 2012 15:36
Catania-Juventus, il gol annullato a Bergessio

Catania-Juventus, il gol annullato a Bergessio

ROMA – “Catania-Juventus è fa rigiocare, e Agnelli lo sa”. “No, non si può rigiocare. Non c’è l’errore tecnico ma solo una distrazione grave”. Il presidente del Catania, Antonino Pulvirenti, dopo i due clamorosi errori arbitrali nella sfida contro la Juventus, chiede che la gare venga rigiocata. Il presidente dell’Assoarbitri, Marcello Nicchi, invece lo stoppa subito. Durerà ancora a lungo la sfida tra Catania e Juventus. Il gol di Bergessio annullato per un fuorigioco che non c’era e il gol partita di Vidal, assegnato nonostante un fuorigioco di Bendtner sull’azione, stanno lasciando strascichi che neanche il gol di Muntari dello scorso campionato.

Rigiocare Catania-Juventus? No, non si tratta di un errore tecnico, ma di un’errata valutazione, purtroppo un errore importante, di uno dei migliori assistenti”, spiega Nicchi, spazzando via qualsiasi ipotesi di rigiocare la partita anche se il regolamento della Federcalcio prevede la possibilità di ripetere il match in caso di ammissione dell’errore tecnico da parte dell’arbitro.

“Il guardalinee (Luca Maggiani) ha sempre fatto bene in più di 200 partite in Serie A ed è apprezzatissimo all’estero – ha aggiunto Nicchi – Le garanzie c’erano tutte. La terna arbitrale ha impiegato più di 45 secondi per prendere la decisione? Potevano passare anche 30 minuti se non sei convinto di quello che fai”.

E’ intervenuto anche il diretto interessato, Maggiani: “Sono sereno, molto sereno. Può capitare di sbagliare e capiterà ancora”, ha detto senza parlare della motivazione tecnica che ha portato ad annullare la rete di Bergessio, né del caso sollevato dal presidente del Catania Pulvirenti che ha scoperto sul profilo Facebook del guardalinee lo scudetto della Juventus.