Djokovic espulso, Australia vince: il suo sostituto è Salvatore Caruso, italiano, 150 al mondo

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 17 Gennaio 2022 9:08 | Ultimo aggiornamento: 17 Gennaio 2022 9:08
Djokovic espulso, Australia vince: il suo sostituto è Salvatore Caruso, italiano, 150 al mondo

Djokovic espulso, Australia vince: il suo sostituto è Salvatore Caruso, italiano, 150 al mondo (Foto d’archivio Ansa)

Novak Djokovic espulso, alla fine l’Australia ha vinto. O meglio, il governo australiano, che non ha voluto ammettere deroghe alle sue normative nemmento per un campione affermato. Il tennista più forte degli ultimi anni. Che pensava, forse, questo gli sarebbe bastato per essere un po’ “più uguale” degli altri.

Al suo posto ci sarà Salvatore Caruso, italiano. Un sostituto solo numerico visto che, essendo il numero 150 del mondo, difficilmente potrà porsi gli stessi obiettivi dell’asso serbo.

Djokovic espulso dall’Australia

E’ finita così per Novak Djokovic in Australia: espulso per non essersi vaccinato contro il Covid e costretto a rinunciare agli Open. Il campione serbo è stato battuto in tribunale dal governo australiano, che ha esultato per aver difeso “la salute e l’ordine pubblico”.

Il protagonista di questa battaglia legale, che lo ha tenuto in un limbo per dieci giorni, ha incassato il ko con “delusione” ed ha lasciato il Paese. Con l’unico pensiero di “riposarsi”, magari nella sua Serbia, ferita e pronta ad accoglierlo da eroe nazionale. Mentre a Melbourne il torneo che si apre perde uno dei protagonisti più attesi.

L’immigrazione australiana e la documentazione Covid di Djokovic

La Corte federale ha chiuso così una vicenda iniziata il 5 gennaio scorso, quando l’immigrazione australiana aveva fermato Djokovic, respingendo la sua documentazione sul Covid. Un caso diventato ben presto intrigo internazionale, con tensioni diplomatiche crescenti tra Canberra e Belgrado. I tre giudici, dopo aver esaminato a lungo le posizioni delle parti, hanno confermato all’unanimità l’annullamento del visto al tennista disposto dal governo australiano.

Senza entrare nel merito, ma considerando l’iniziativa dell’esecutivo legale. Niente da fare per la difesa, secondo cui non c’erano prove che il suo assistito alimentasse i sentimenti no vax. Tra lo sconforto dei fan del campione, che hanno atteso la sentenza fuori dal tribunale.

Djokovic dovrà stare 3 anni lontano dall’Australia

Il numero uno del tennis mondiale, incassata la sconfitta, ha dovuto subito lasciare l’Australia, dove non in teoria non potrà mettere più piede per tre anni. “Estremamente deluso” pur “rispettando la sentenza”, ha commentato a caldo prima di salire a bordo di un volo per Dubai. Forse in qualche modo sollevato dopo il “disagio per l’attenzione delle ultime settimane”, il serbo ha augurato “tutto il meglio per il torneo” che sta per cominciare. Chiudendo almeno per il momento la questione. Perché nel prossimo futuro, ha spiegato, ci sarà spazio soltanto per “riposarsi e riprendersi”.

L’espulsione di Djokovic è stata accolta con soddisfazione dal governo australiano. A partire dal ministro più intransigente, il titolare dell’Immigrazione Alex Hawke, che aveva annullato il visto al campione per due volte temendo che la sua permanenza in Australia fosse un problema di salute pubblica e potesse provocare “disordini” alimentati dai no vax, che lo considerano un idolo. La sentenza di Melbourne permetterà di “mantenere forti i nostri confini e proteggere gli australiani, che hanno fatto grandi sacrifici” nella lotta al Covid, ha sottolineato il primo ministro Scott Morrison. Che ha adottato una delle politiche più restrittive al mondo contro la pandemia.

Serbia contro Australia, un caso diplomatico

In Serbia, dove Djokovic è considerato il miglior testimonial dell’orgoglio nazionalista, le reazioni delle autorità sono state di profonda irritazione. “Può tornare a testa alta”, ha affermato il presidente Aleksandar Vucic, accusando l’Australia di aver “maltrattato un tennista per dieci giorni per poi prendere una decisione che conoscevano dall’inizio”. La revoca del visto è stata “scandalosa”, gli ha fatto eco la premier Ana Brnabic, rilevando come la giustizia si sia espressa “due volte in modo contraddittorio in pochi giorni”.

Salvatore Caruso, il sostituto italiano di Djokovic

A questo punto il primo Grande Slam dell’anno rischia di essere ricordato soprattutto per l’uscita di scena di Djokovic, più che per i risultati sul campo. Al suo posto giocherà l’italiano Salvatore Caruso, 150esimo al mondo, ma senza la star serba sarà “una sconfitta per il tennis”, ha commentato l’Atp.

Quanto a Nole, oltre a perdere la chance di diventare il tennista più titolato di sempre, subirà un danno di immagine ed economico che potrebbe raggiungere i 50 milioni di euro. Un conto salatissimo per l’ostinata scelta di non vaccinarsi, al contrario della stragrande maggioranza dei suoi colleghi.