Lazio-Inter: Nerazzurri segnano, Curva Nord esulta

Pubblicato il 2 maggio 2010 22:46 | Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2010 22:46

Segna l’Inter, esulta anche la Curva della Lazio: è la surreale situazione dell’Olimpico, dove un risultato positivo dei padroni di casa consentirebbe alla Roma di riconquistare la vetta del campionato. Così al 43′ del primo tempo, dopo un’uscita di Muslera su Etòo, e dopo che qualche minuto prima, il portiere dei biancocelesti era risultato decisivo prima su Sneijder e poi su Etòo, dalla curva nord, ‘covo’ della passione laziale, si è levato un coro “se vincete ve menamò, ripetuto più volte all’indirizzo di Baronio e compagni. ‘Scansamose’, era un altro striscione apparso alla metà del primo tempo.

Successivamente, al gol di Samuel al 46′ con un colpo di testa, anche i supporter laziali della curva nord hanno esultato come se avesse segnato la loro squadra e poi è stato esposto uno striscione, già preparato, con la scritta “oh noo”, dall’evidente significato ironico.

Mourinho, che era rientrato negli spogliatoi in anticipo, ha così saputo dall’urlo dell’Olimpico del gol del vantaggio della sua Inter.

“Mourinho uomo vero in un calcio finto”. Questo lo striscione con cui i tifosi della Lazio, come annunciato nei giorni scorsi, hanno voluto rendere omaggio al tecnico dell’Inter, José Mourinho all’inizio del secondo tempo di Lazio-Inter, con la formazione nerazzurra in vantaggio per 1-0. Un gesto apprezzato dal tecnico portoghese che ha ringraziato con un cenno i sostenitori biancocelesti. Non mancano anche cori di reciproco sostegno da parte delle due curve che stanno confermando il gemellaggio molto stretto degli ultimi anni: se quella laziale ha intonato più volte cori a favore di Mourinho, quella nerazzurra ha ricambiato intonando insulti nei confronti del presidente biancoceleste, Claudio Lotito, e gridando “A Roma c’é solo la Lazio”.

5 x 1000