Michael Schumacher sveglio e vigile? Jean Todt: “Abbiamo visto il Gp a casa sua”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 Luglio 2019 8:59 | Ultimo aggiornamento: 31 Luglio 2019 9:00
Jean Todt: "Ho visto il Gp con Michael Schumacher"

Michael Schumacher e Jean Todt (Ansa)

ROMA – L’ex manager della Ferrari Jean Todt è uno dei pochi ammessi a frequentare la famiglia di Michael Schumacher nella casa in Svizzera dove proseguono le cure riabilitative. E’ anche uno dei pochi a conoscere di prima mano le condizioni di salute del campione: domenica per esempio ha visto insieme a lui il Gran Premio di Brasile, meglio, si è lasciato sfuggire di aver visto il Gp.

Sembra di capire – l’affetto che circonda il grande pilota tedesco è ancora grandissimo in Italia – che Michael sia sveglio e vigile tanto da seguire in tv con il vecchio amico le evoluzioni dei suoi colleghi sulle piste.

“Sono sempre molto cauto quando faccio queste dichiarazioni, ma è vero: ho guardato con lui nella sua casa in Svizzera le gare di Formula 1. Michael non si arrende, continua a combattere ed è nelle migliori mani”, ha dovuto riconoscere Todt all’intervistatore di Repubblica.

A meno di un mese dal suo cinquantesimo compleanno si continua dunque a parlare di Michael Schumacher e naturalmente a sperare. Dopo le confortanti parole della moglie Corinna (”Michael è un combattente e non si arrenderà”) contenute in una lettera, svelata a metà novembre, scritta per ringraziare un musicista tedesco che aveva composto e dedicato una canzone al marito dal titolo ‘Born to Fight’, ovvero ‘Nato per combattere’, ecco quelle del suo ‘capo’ ai tempi Ferrari.

Jean Todt ha aperto uno squarcio di luce nel velo di riserbo che Corinna ha voluto costruire attorno a Schumi. (fonte Repubblica)