Chi fa l’intervista più “sdraiata”? Il Tg1 attacca il Tg3: “Anche voi morbidi con Prodi”. La Berlinguer: “Scorretti”

Pubblicato il 4 Febbraio 2011 18:14 | Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio 2011 18:31

ROMA – Chi fa l’intervista più “sdraiata”? E’ partita la sfida in casa Rai: il Tg1, accusato per l’intervista troppo soft a Silvio Berlusconi, ha giocato un “tiro mancino” al Tg3. Il telegiornale diretto da Augusto Minzolini ha mandato in onda, nell’edizione delle 13,30 del 4 febbraio una vecchia intervista realizzata da Pierluca Terzulli all’allora premier Romano Prodi. All’ex presidente del Consiglio furono riservate, a detta del Tg1, domande piuttosto morbide.

Il direttore del Tg3, Bianca Berlinguer, ha parlato di ”una grave scorrettezza” da parte dei colleghi: ”Il Tg1 – scrive la Berlinguer in una nota – estrapola una battuta di un’intervista del 5 luglio 2007 del vice direttore del TG3 Pierluca Terzulli all’allora presidente del Consiglio Romano Prodi nel tentativo di dimostrare che ‘siamo tutti uguali’, cioé incapaci di fare i giornalisti, di porre domande vere ai membri dell’esecutivo. Un comportamento a dir poco sleale perché rischia di scatenare un conflitto intestino tra testate della stessa azienda e perché fondato sull’estrapolazione di un frammento di pochi secondi da un contesto di un’intervista ben più ampia, compiendo così un atto di vera e propria falsificazione”.

Sulla vicenda si è espresso anche il sindacato dell’Usigrai, che ha accusato Minzolini di “gettare fango sui colleghi”. Anche il cdr del Tg1 ha espresso solidarietà a Terzulli: ”Ci scusiamo con il collega a nome di tutti i giornalisti del Tg1 che non si riconoscono nell’uso improprio che il direttore fa del nostro giornale per attacchi e campagne che nulla hanno a che fare col servizio pubblico”.