Roulotte e camper equiparate a case nel decreto del Fare. E scoppia la rivolta

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Agosto 2013 18:21 | Ultimo aggiornamento: 11 Agosto 2013 18:21
Roulotte e camper equiparate a case nel decreto del Fare

Roulotte e camper equiparate a case nel decreto del Fare (foto LaPresse)

ROMA – Il decreto del Fare appena approvato dal Parlamento, equiparerebbe roulotte e camper a “interventi di nuova costruzione”, ossia nuovi immobili che hanno bisogno di un apposito “permesso di costruire” per stazionare.  Secondo Confindustria Veneto, si tratterebbe di uno schiaffo al turismo. Il goovernatore Luca Zaia che per primo ha dato l’allarme tuona: “Surreale e devastante per l’economia del Veneto, la prima regione turistica d’Italia e la prima in Europa per l’open air”. Anche Debora Serracchiani presidente del Fiuli Venezia-Giulia gli fa eco: “Una norma assurda che va prontamente corretta perché gli effetti sull’economia turistica, anche del Friuli Venezia Giulia, sarebbero molto negativi. Roulotte e camper non sono case da assoggettare ad autorizzazioni urbanistiche ed edilizie.

Solo nella regione guidata dalla giovane governatrice del Pd, tra campeggi e villaggi turistici sono 35 le strutture che accolgono turisti in roulotte e camper (oltre che tende) facendo registrare nel 2012 223.800 arrivi e 1.883.000 presenze.

Il ministero dell’Ambiente è il responsabile dell’articolo, solo ritoccato in modo lieve dal Parlamento: nel rispondere alle critiche, dà una lettura opposta spiegando che la norma nascerebbe con l’esigenza di fare chiarezza rispetto al Testo unico dell’edilizia, una  legge approvata nel 2001. Spiega Valentina Conte su Repubblica che

“Laddove all’articolo 3 dice che ‘prefabbricati e strutture di qualsiasi genere, quali roulotte, camper, case mobili, imbarcazioni ” si considerano “interventi di nuova costruzione”, appunto, ma solo se “utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili, e che non siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee’.

Nel tempo molte procure hanno sequestrato campeggi per edilizia abusiva. Il loro modo di interpretare la norma nasceva dal fatto che  alcune famiglie, anche a causa della crisi si erano “fermate” a vivere nei bungalow per un tempo superiore a quello di una breve vacanza.

Spiega Valentina Conti che

“Il decreto Fare avrebbe dovuto chiarire Dunque esentare da permessi o balzelli roulette e camper in sosta momentanea per turismo. All’articolo 41 si legge infatti: ‘Ancorché siano installati, con temporaneo ancoraggio al suolo, all’interno di strutture ricettive all’aperto, in conformità alla normativa regionale di settore, per la sosta ed il soggiorno di turisti’.

Dunque le strutture provvisorie usate per le vacanze non avrebbero bisogno di permesso ma, come spiega ancora Conti, il caso non è chiuso.  Confindustria e i governatori del Nord-Est temono infatti l’effetto “tassa sulle barche” e la fuga dei turisti in Slovenia e Croazia.  Zaia spiega infatti che “l’Italia sarà l’unico Paese in Europa dove si chiederà alle strutture ricettive di dimostrare, camper per camper, roulotte per roulotte, il regime di temporaneità. Già in queste ore si fa concreta la disdetta di unità mobili di pernottamento già commissionate. Il blocco degli investimenti non era proprio l’obiettivo che il decreto Fare voleva evitare?.