Polizia, stipendi sbloccati. Berlusconi: “Renzi vi incontra, ma basta sciopero”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 settembre 2014 8:36 | Ultimo aggiornamento: 18 settembre 2014 8:36
Polizia, stipendi sbloccati. Berlusconi: "Renzi vi incontra, ma basta sciopero"

Polizia, stipendi sbloccati. Berlusconi: “Renzi vi incontra, ma basta sciopero”

ROMA – “Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, è disposto ad incontrarvi, ma rinunciate allo sciopero”: dopo l’accordo per lo sblocco degli stipendi della polizia, Silvio Berlusconi ha chiesto ai sindacati di andare incontro al governo e di sospendere le proteste annunciate.

O meglio, la maggior parte dei sindacati di polizia, il cosiddetto “Cartello” trasversale bipartisan (che rappresenta il 95% degli agenti) sono pronte ad annullare le proteste, mentre la “Consulta della sicurezza”, di cui fanno parte solo il Sap, il Sapas (corpo forestale), il Sappe (polizia penitenziaria) e il Conapo (vigili del fuoco),  e che rappresenta il restante 5%, non è dello stesso parere.

La Consulta ha così partecipato all’incontro, mercoledì 17 settembre, con l’ex presidente del Consiglio Berlusconi, che ha provato a mandare un messaggio conciliante a chi ancora è sul piede di guerra:

“Renzi mi manda a dirvi che è disposto a incontrarvi se sospendete le proteste”.

In conferenza stampa non è mancato un attacco da parte dello stesso Berlusconi all’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti, visto che il blocco dei tetti salariali era stato messo a punto nel 2010 proprio dal governo Berlusconi:

“Fu un’idea di Tremonti, già all’epoca remava contro di me”,

ha detto Berlusconi.