Blitz quotidiano
powered by aruba

Hillary Clinton nei guai: donatore al Dipartimento Stato

WASHINGTON – Un donatore della campagna di Hillary Clinton e di Barack Obama nel 2011 è stato nominato al Dipartimento di Stato, avendo accesso a informazioni sensibili per la sicurezza degli Stati Uniti pur non avendo nessuna esperienza nel settore. Rajiv Fernando, un intermediario di Borsa di Chicago e donatore per alti dirigenti del partito democratico, rinunciò poi all’incarico nel 2011, ma Donald Trump e la Cnn hanno reso pubblica la circostanza sospetta, gettando la candidata democratica alla Casa Bianca nei guai.

La Cnn, sulla base di email interne ricevute dal gruppo conservatore anti Hillary ‘Cittadini uniti’, e il candidato presidenziale repubblicano Donald Trump hanno dichiarato che Fernando, che ha fatto una donazione da 1 milione di dollari alla fondazione Clinton, nel  luglio del 2011 ottenne un posto nell’International security advisory board (Isab), un gruppo di esperti di sicurezza e di consulenti di politica estera.

In quanto membro di questo organo, Fernando godeva di accesso a informazioni altamente sensibili. Due giorni dopo che un reporter della Abc chiese lumi sulla sua selezione, Fernando si dimise con una lettera alla Clinton in cui motivava la sua decisione con

“l’inaspettata ed eccessiva volatilità nel mercato internazionale di queste ultime settimane”.

Trump, che nei giorni scorsi aveva accusato la Clinton di aver trasformato il dipartimento di stato nel suo “hedge fund privato”, ne ha approfittato per attaccare la candidata democratica alla Casa Bianca:

“Da dove veniva questo tizio? Diede un contributo di 250 mila dollari e improvvisamente si ritrovò in questo importante, vitale organo. Questa posizione aveva a che fare con le armi nucleari tattiche e aveva accesso a informazioni top secret ma lui non sapeva nulla in materia”.

Nessuna reazione per ora dallo staff della campagna di Hillary.