Ponte Morandi, sfollati protestano in Consiglio regionale: “Prima noi poi l’Ansaldo” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 Settembre 2018 12:32 | Ultimo aggiornamento: 4 Settembre 2018 13:07
Ponte Morandi, sfollati in Consiglio regionale: "Prima noi poi l'Ansaldo" VIDEO

Ponte Morandi, sfollati in Consiglio regionale: “Prima noi poi l’Ansaldo”

GENOVA – “Sembriamo dei nomadi. Rispetto. Rispetto”: è quanto hanno urlato alcuni sfollati del ponte Morandi a Genova dalle tribune del Consiglio regionale. Una cinquantina di loro, gli abitanti di via Porro, hanno chiesto e ottenuto di poter assistere alla riunione congiunta dei Consigli regionale e comunale dedicata al disastro. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Hanno distribuito un volantino dal titolo “Quelli di ponte Morandi”, con scritto “50 anni di servitù, due settimane di sofferenze”.

Quindi, al termine dell’intervento del commissario per l’emergenza Giovanni Toti, hanno manifestato la loro rabbia gridando “Veniamo prima noi delle imprese, veniamo prima noi della viabilità, ci siamo prima noi, vogliamo la casa!”. “Abbiate la stessa considerazione che avete avuto per Ansaldo Energia”.

La rabbia degli sfollati è stata placata dall’intervento del sindaco Marco Bucci: “Vi capisco, ma dobbiamo cercare di lavorare insieme. Dal 14 agosto dormo quattro ore per notte per affrontare l’emergenza. Genova non si è mai fermata, non ha mai dimostrato di essere in ginocchio, una cosa di cui dobbiamo essere tutti orgogliosi, nessuno è stato lasciato solo dalle istituzioni”, sottolinea.