Bologna, infermiere pubblica post Facebook contro i No Vax: "Ci vediamo in terapia intensiva" Bologna, infermiere pubblica post Facebook contro i No Vax: "Ci vediamo in terapia intensiva"

Bologna, infermiere pubblica post Facebook contro i No Vax: “Ci vediamo in terapia intensiva”

Un infermiere di Bologna ha risposto su Facebook a una No Vax: “Ci vediamo in terapia intensiva“. Il post è stato rimosso e l’infermiere subirà un procedimento disciplinare. 

Tra l’altro questa vicenda è esemplare di quello che succede sui social ultimamente. Dove pro vax e no vax si sfidano a colpi di post e insulti.

Bologna, infermiere su Facebook contro i No Vax

Uno sfogo su Facebook contro i no vax e le proteste per il green pass ha portato a un procedimento disciplinare per un infermiere a Bologna. Lo riporta il Resto del Carlino: “Lei non si preoccupi – ha scritto sul social l’infermiere rispondendo a una donna – che quando apriremo la terapia intensiva Covid con tutti i disagiati ‘No Vax’ (e purtroppo qualche persona innocente che per seri motivi non poteva vaccinarsi) io sarò lì a mettervi le sonde necessarie alla vostra sopravvivenza (…) Lo farò in modo professionale come sempre, ma forse con un pizzico di sottile piacere in più. Questo perché so che è comunque una vostra scelta libera e consapevole. Questo allevierà il mio carico emotivo e saremo tutti più felici”.

Infermiere contro No Vax, post rimosso e procedimento

Sono seguite repliche con insulti e minacce. L’Ausl, dopo aver fatto rimuovere il post, ha avviato un procedimento. 

“Il vero nemico è il virus, non il vaccino…”. Il presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche, Pietro Giurdanella, predica calma. E lancia un appello: “I cittadini devono capire l’importanza di vaccinarsi contro il Covid, mentre ai colleghi sanitari dico che non devono forzare la mano, ma ascoltare e cercare di risolvere i dubbi degli indecisi”.

Gestione cookie