Immigrati, che dio hanno? Cristo 56%, Allah 26%, Buddha 3%

Istat ha “contato” quanti cristiani tra gli immigrati in Italia: più di uno su due. E quanti musulmani: un quarto. E quanti atei: sette su cento.
Immigrati, che dio hanno? Cristo 56%, Allah 26%, Buddha 3%
Immigrati, che dio hanno? Cristo 56%, Allah 26%, Buddha 3%

ROMA – Ma qual è il dio degli immigrati? In che dio credono gli immigrati in Italia? Forse lo immaginavate o forse no, la metà abbondante sono cristiani. Credono in Cristo al 56, 4 per cento. Per l’esattezza il 27 per cento degli immigrati in Italia è di religione ortodossa, il 25, 1 per cento è cattolico, il 2,7 per cento è protestante. Maggioranza di cristiani ortodossi, perché? Perché ad esempio i più tra i romeni sono appunto ortodossi ed essendo i romeni molti in Italia…

Più di uno dunque è cristiano tra gli immigrati. E i musulmani? Tanti ma non come si poteva immaginare: il 26,3 per cento. Musulmani sono i marocchini e, spesso ce se ne dimentica, gli albanesi. Cristo, Allah…c’è un po’ di posto anche per Buddha: il tre per cento degli immigrati è appunto buddista.

Cristiani 56 e passa, musulmani 26 e dispari, buddisti il tre: fa in totale circa 86 per cento. E gli altri? Tra gli altri un sette per cento si dice ateo. Del restante quasi sette per cento non si sa, micro culti locali trasportati fin da noi numericamente troppo esili per fare massa statistica? I conti generali li ha fatti l’Istat.

Gestione cookie