Nova Milanese, famiglia avvelenata con il tallio nella tisana: arrestato il nipote

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 dicembre 2017 8:25 | Ultimo aggiornamento: 7 dicembre 2017 9:16
tallio-nova-milanese

La famiglia avvelenata con il tallio

MONZA – C’è una svolta nel giallo del tallio nella tisana che a Nova Milanese ha fatto tre vittime nello stesso nucleo familiare. E’ stato arrestato il presunto responsabile: si tratta di Mattia Del Zotto, 27 anni. Al ragazzo viene contestato anche il tentato omicidio di ulteriori 5 persone (i nonni materni, il marito della zia deceduta, un’altra zia e una badante dei nonni paterni). Secondo la procura, i delitti sarebbero stati premeditati.

Giovanni Battista Del Zotto, la moglie Gioia Maria Pittana e la figlia Patrizia erano morti all’inizio di ottobre. In seguito altre cinque persone sono state avvelenate dal tallio tra cui coniugi Alessio Palma, 83 anni, e Maria Lina Pedon di 81, genitori di Cristina Palma e suoceri del 55enne Domenico Del Zotto (figlio e fratello delle prime vittime) ricoverati a metà novembre con gli stessi sintomi da avvelenamento da tallio.

La tisana incriminata è stata trovata in casa dell’ultima coppia finita in ospedale, i coniugi Palma-Pedon, suoceri di un altro figlio dei Del Zotto, Domenico, l’unico, assieme alla moglie, a non essere mai stato contaminato.

Nell’abitazione i carabinieri di Nova Milanese avevano sequestrato la terrina nel corso dell’ultimo sopralluogo, per farla analizzare dagli esperti dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Piemonte Liguria e Valle d’Aosta, con sede a Torino. Al termine dell’accertamento, i chimici hanno riscontrato la positività al tallio in quantità superiore alla soglia minima di sicurezza.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other