Trieste, omicidio Fulvio Visintin: fermata la moglie, Loredana Crasso

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 aprile 2018 11:12 | Ultimo aggiornamento: 2 aprile 2018 17:48
Loredana Crasso è stata fermata per l'omicidio del marito, Fulvio Visintin

(Foto d’archivio)

TRIESTE –  Svolta nelle indagini sull’omicidio di Fulvio Visintin, l’uomo di 73 anni il cui corpo senza vita è stato trovato nel tardo pomeriggio della domenica di Pasqua nel suo appartamento a Trieste, nel rione di Servola. La moglie dell’uomo, Loredana Crasso, 69 anni, è stata fermata.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela gratis da Google Play.

Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti e riportata dal quotidiano Il Piccolo, la donna avrebbe confessato il delitto, spiegando che durante l’ennesima lite avrebbe strappato il coltello dalle mani del marito e, sentendosi minacciata, e lo avrebbe colpito al petto con la stessa arma.

La donna, di 69 anni, si trova ora agli arresti domiciliari. La lite sarebbe avvenuta al rientro a casa dopo il pranzo di Pasqua trascorso da alcuni parenti. Visintin è morto per emorragia, nonostante le cure dei sanitari accorsi sul posto dopo essere stati chiamati dalla stessa donna.

Il quotidiano triestino riporta brani del rapporto della Questura:

“La donna che ha dapprima fornito una ricostruzione di comodo dei fatti occorsi all’interno delle mura domestiche, apparsa da subito non sostenibile per le numerose contraddizioni fornite nel corso dei vari ascolti, messa dagli investigatori della Squadra Mobile più volte di fronte all’incalzante evidenza degli elementi oggettivi che riconducevano ad un suo netto coinvolgimento, ha infine ammesso la sua responsabilità relativa all’accoltellamento del marito”.

Secondo le ricostruzioni la coppia, in crisi da diversi anni, avrebbe litigato per “futili motivi”. I vicini dell’appartamento dove vivevano, al secondo piano di un edificio di via dei Vigneti 22/2, nel rione di Servola, li descrivono come una donna riservata e un uomo simpatico, tra l’altro dirigente di una associazione calcistica giovanile, realtà di riferimento per giovani e non solo nella zona di Servola, ai margini della città.