Datagate, Edward Snowden ha chiesto asilo politico anche all’Italia

Datagate, Edward Snowden ha chiesto asilo politico anche all'Italia
Datagate, Edward Snowden ha chiesto asilo politico anche all’Italia

MOSCA – Cresce di giorno in giorno il numero dei Paesi ai quali Edward Snowden ha chiesto asilo politico. Ieri erano 15, oggi 21 e tra questi, secondo quanto scrive il sito di Wikileaks, ci sarebbe anche l’Italia. Dopo il no dell’Ecuador, la talpa del Datagate le sta tentando proprio tutte per trovare una via d’uscita e di salvezza.

Tra i paesi ai quali Snowden ha fatto appello ci sarebbe poi anche la Norvegia: lo ha annunciato il portavoce del ministero degli Esteri norvegese, Frode Andersen. ”Posso confermare che abbiamo ricevuto una domanda d’asilo per fax alla nostra ambasciata di Mosca nel tardo pomeriggio di lunedì probabilmente da lui e presumibilmente firmata da lui, ma non abbiamo modo di verificalo”, ha detto il portavoce.

Al momento Snowden è ancora bloccato nell’area internazionale dell’aeroporto Sheremetevo di Mosca da più di una settimana. Lunedì l’ultimo disperato tentativo: la richiesta è stata inoltrata ai consolati di ben 15 paesi tra i quali anche la Russia.

In una sua dichiarazione diffusa da Wikileaks è tornato all’attacco e ha accusato il presidente americano, Barack Obama, di impiegare contro la sua persona ”i vecchi e cattivi strumenti dell’aggressione politica” e di usare ”la cittadinanza come un’arma per farlo tacere”.  ”Il presidente – afferma ancora – è impaurito da un’opinione pubblica informata e arrabbiata” che chiede la verità.

Comments are closed.

Gestione cookie