Gaza. Hamas e Israele valutano cessate il fuoco proposto da Kerry

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Luglio 2014 10:29 | Ultimo aggiornamento: 25 Luglio 2014 10:29
Gaza. Hamas e Israele valutano cessate il fuoco proposto da Kerry

Gaza. Hamas e Israele valutano cessate il fuoco proposto da Kerry

ROMA – Gaza. Hamas e Israele valutano cessate il fuoco proposto da Kerry. Uno spiraglio verso la tregua a Gaza è stato aperto da Hamas: finora non aveva mai accettato, al pari di Israele, proposte di tregua se non alla condizione del ritiro dei militari israeliani dalla Striscia. Invece, in linea di principio, Hamas accoglierebbe il cessate il fuoco umanitario proposto dal segretario di Stato americano, John Kerry, una tregua di cinque giorni a partire da sabato notte.

Secondo il quotidiano tuttavia il movimento islamista ha chiesto garanzie su altre questioni come il rilascio dei prigionieri palestinesi e l’allargamento dell’area di pesca davanti le coste di Gaza, oltre che sul finanziamento della ricostruzione delle zone bombardate. Israele, il cui gabinetto di guerra deve ancora riunirsi, potrebbe valutare la tregua se non costretta al ritiro di tutte le truppe e a condizione che si interrompa il lancio dei missili.

Il piano del segretario di stato John Kerry presentato alle parti. Il testo come primo passo prevederebbe, da domenica, una tregua temporanea di una settimana. Durante questo lasso di tempo, le parti – grazie alla mediazione internazionale – comincerebbero a negoziare su punti di sicurezza, economici e politici per un accordo duraturo. Tra i punti avanzati da Kerry – e che prevedono l’attiva partecipazione dell’Autorita’ nazionale palestinese – c’e’ il fatto che durante la tregua di una settimana le forze israeliane non lascerebbero del tutto la Striscia.

Questo sarebbe uno dei temi più contestati da parte palestinese. Durante il cessate il fuoco di una settimana, le parti si incontrerebbero al Cairo per confrontarsi tramite la mediazione egiziana. Gli Stati Uniti, il segretario generale dell’Onu e l’Unione Europea si farebbero garanti con entrambe le parti che i negoziati riguarderanno temi essenziali. Per Israele, il disarmo dei razzi di Gaza e dei tunnel. Per Hamas, la fine del blocco e la ricostruzione dei danni che la Striscia ha subito durante le operazioni