Argentina, il Fmi stanzierà 57 miliardi di dollari per il salvataggio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 settembre 2018 23:58 | Ultimo aggiornamento: 26 settembre 2018 23:58
argentina fmi

Argentina, il Fmi stanzierà 57 miliardi di dollari per il salvataggio (nella foto Macri, presidente argentino)

BUENOS AIRES – Il Fondo Monetario Internazionale tende una mano all’ Argentina, concedendo a Buenos Aires un salvataggio record da 57 miliardi di dollari. Si tratta di una cifra superiore ai 50 miliardi dell’accordo iniziale: una revisione al rialzo necessaria per far fronte alle crescenti difficoltà del paese e per evitare l’effetto contagio delle altre economie emergenti.

L’ Argentina ha il pieno appoggio del Fmi, che resta “impegnato ad aiutarla ad affrontare le sfide che ha davanti” spiega Lagarde nel corso di una conferenza stampa congiunta con il ministro dell’economia argentino Nicolas Dujovne. Il nuovo accordo fra il Fmi e l’Argentina è soggetto al voto del board esecutivo del Fmi, mette in evidenza Lagarde, rassicurando sul fatto che vedrà il board il prima possibile.

L’intesa raggiunta prevede che Buenos Aires riceva 19 miliardi di dollari entro la fine del 2019, per un totale di 57,1 miliardi entro il 2021. ”La persistente elevata inflazione continua a erodere le basi della prosperità economica di Buenos Aires” aggiunge Lagarde. ”Il nostro obiettivo è quello di un calo rapido dell’inflazione” osserva la Banca centrale argentina, che adotterà – in base all’intesa con il Fmi – un regime di tassi di cambio fluttuante senza interventi. ”In caso di estremi sbalzi dei tassi di cambio, la banca centrale potrà condurre interventi limitati sui mercati di cambio stranieri” spiega Lagarde.

La Banca Centrale Argentina non interverrà infatti nel caso in cui il pesos si muova in una forchetta fra 34 e 44” rispetto al dollaro. ”Gli ultimi mesi sono stati molti difficili: l’Argentina è stata colpita duramente da shock esterni e globali. Il governo ha commesso errori negli ultimi mesi” afferma Guido Sandleris, il presidente della Banca Centrale Argentina che ha sostituito Luis Caputo, dimessosi solo dopo tre mesi nell’incarico. ”Dobbiamo muoverci rapidamente per affrontare i nostri problemi. Il nostro obiettivo – aggiunge – è ridurre l’inflazione e abbiamo bisogno di strumenti più potenti per combatterla”.