Tasse personali per 7 miliardi di dollari, fra manager di fondi e fisco Usa il maggior concordato della storia

di Giampaolo Scacchi
Pubblicato il 5 Settembre 2021 - 18:04 OLTRE 6 MESI FA
Tasse personali per 7 miliardi di dollari, fra manager di fondi e fisco Usa il maggior concordato della storia

Tasse personali per 7 miliardi di dollari, fra manager di fondi e fisco Usa il maggior concordato della storia

Tasse arretrate per 7 miliardi di dollari saranno pagate, personalmente di tasca propria, anche se in quote diverse, da un gruppo di manager di fondi di investimento, per chiudere una vertenza col fisco americano che dura da anni.
 

Se a tanto ammontano le tasse (sommate con  interessi e multe) si può solo immaginare quanto possano avere guadagnato in pochi anni di speculazione.

All’origine del caso c’è il differente carico fiscale riservato ai profitti da investimento finanziario di breve termine e a quelli di lungo termine.
 
Riferiscono Gregory Zuckerman e Richard Rubin sul Wall Street Journal che attuali e precedenti manager dell’hedge fund Renaissance Technologies LLC per risolvere una disputa. Che va avanti da tempo con l’Internal Revenue Service (agenzia delle entrate USA). Pagheranno personalmente fino a $ 7 miliardi di tasse arretrate, interessi e sanzioni. Un accordo fiscale che potrebbe essere il più grande di sempre.
 
Secondo l’azienda, James Simons, apripista degli investimenti quantitativi  – che  ha fondato Renaissance ed è stato presidente fino al 1° gennaio 2021 – effettuerà un ulteriore “pagamento di liquidazione” di $ 670 milioni; rimborserà anche le tasse relative ai suoi guadagni.

Tasse dovute fra il 2005 e il 2015

La controversia riguarda le iniziative che il principale fondo, Medallion, dell’azienda ha preso tra il 2005 e il 2015 per convertire i guadagni di trading a breve termine in profitti a lungo termine. A causa delle somme ingenti coinvolte, è stato osservato con attenzione nel mondo della finanza e della politica e al contempo perché negli Stati Uniti i leader di Renaissance sono tra i maggiori finanziatori dei politici.

Simons, ex professore di matematica e decodificatore di codici, ha trasformato Renaissance in una delle società di investimento di maggior successo della storia. Mediante l’individuazione  nel mercato di schemi a breve termine che altri non vedevano. Operazioni a breve termine tuttavia comportano anche tasse più alte.

Sostegno ai candidati dei due partiti

Per molto tempo Simons è stato un sostenitore dei candidati democratici. Mentre Robert Mercer, un altro dirigente di Renaissance, ha  appoggiato i repubblicani, incluso l’ex presidente Donald Trump.
 
“Per diversi anni ci siamo impegnati nel processo di appello dell’IRS  in cui abbiamo sostenuto con forza la correttezza della dichiarazione fiscale di Medallion”. Così ha scritto Peter Brown, amministratore delegato di Renaissance, in una lettera diretta agli investitori di Medallion. 
 
“Il consiglio di amministrazione di Renaissance alla fine ha concluso che riguardo al periodo in questione, gli interessi dei nostri investitori sarebbero stati garantiti. Accettando questo accordo con l’IRS, anziché rischiare un esito peggiore”.
 
Medallion solitamente trattiene gli investimenti per brevi periodi, persino per pochi istanti. Nel 2005, i dirigenti del fondo hanno iniziato a fare affidamento sulle cosiddette opzioni del paniere, strumenti finanziari creati da banche i cui valori sono ancorati all’andamento di uno specifico paniere di azioni. 
Anziché acquistare migliaia di azioni, Medallion ha acquistato un’opzione che rappresentava i rendimenti di quelle stesse azioni. 
 
Le opzioni del paniere hanno fornito una serie di vantaggi, ad esempio consentire a Medallion di prendere in prestito enormi somme di denaro da investire nel mercato. Hanno inoltre convertito efficacemente i guadagni a breve termine dalle azioni in profitti a lungo termine. Per il fondo è stato un vantaggio poiché i guadagni di trading a breve termine sono tassati a un’aliquota superiore rispetto ai profitti a lungo termine.
 
I consulenti legali hanno approvato la manovra ma in seguito è stata oggetto di esame. Nel 2014, un rapporto della sottocommissione del Senato ha affermato che le opzioni consentivano ai dirigenti di Renaissance di eludere più di 6 miliardi di dollari di tasse. 
Il rapporto affermava che Renaissance aveva “fatto un uso indebito” delle complesse strutture per rivendicare “agevolazioni fiscali ingiustificate”.